A Perotti di Ferriere l’opportunità di un orto condiviso

Sinergie per saperi e sapori tradizionali legati al territorio

Abitate in condominio e vi piacerebbe condividere in autonomia un pezzo di terreno o collaborare con altrie creare una sorta di “comunicazione”  tra diverse età come bambini, adulti ed anche persone anziane con le quali lavorare la terra, seminare e produrre prodotti sani, biologici da cucinare e gustare con grande soddisfazione? Fa per voi l’ultima iniziativa dell’albergo diffuso "Casa delle Favole" a Perotti, alcuni chilometri prima di Ferriere. Di cosa si tratta? Semplice, di farvi sporcare le mani di terra, di farvi rastrellare, di farvi togliere le erbacce e di zappare e di chissà cos’altro. La struttura mette a disposizione un piccolo fazzoletto di terra nel bel mezzo dell’appennino per poter far crescere la vostra verdura e gustarne il sapore autentico conquistato con un po’ di fatica  fatto di sudore, ma soprattutto di divertimento; staccandovi dalla vita frenetica della città e per immergervi  nei ritmi scanditi da madre natura.

Le alternativeofferte sono due: la più classica è adotta un orto: andate nel fine settimana, alloggiate comodamente in una delle casette o camere e vi coltivate il vostro pezzetto di orto come meglio credete e, quando non vi sarà possibile salire a Perotti ci penseranno gli operatori della casa delle Favole a tenerlo in ordine.

La seconda opzione vi offre la possibilità di dare  una mano nelle operazioni colturali richieste da una superficie convertita in orto comune.In entrambi i casi potrete portarvi a casa tutta o parte della verdura che la stagione avrà fatto crescere.  Un’esperienza quindi un po’ fuori dai normali fine settimana in campagna/montagna,ma allo stesso tempo un modo di vivere la terra e la natura nel pieno delle sue potenzialità coi bambini che sicuramente si divertiranno a strappare erbacce, scavare nel terreno, innaffiare, costruire spaventa passerie soprattutto cogliere le verdure direttamente dal terreno. Sarà inoltre una esperienza  utile a capire i ritmi della natura e che tutto nasce dal lavoro e forse anche quelli che  sono poco propensi a mangiare l’insalata o i pomodori, le zucchine o altre verdure, forse cambieranno opinione sapendo  che quanto è in tavola è anche frutto del proprio lavoro.

L’ALBERGO DIFFUSO

L'Albergo Diffuso è modello di ospitalità originale nato negli anni '90 in Sardegna e in altre regioni del nostro paese. In estrema sintesi si tratta di una proposta che offre agli ospiti l'esperienza di vita di un centro storico di un paese, potendo contare su tutti i servizi alberghieri, cioè su accoglienza, assistenza, ristorazione, spazi e servizi comuni riservati, alloggiando in case e camere che distano non oltre 200 metri dal "cuore" dell'albergo diffuso: l’edificio nel quale sono situati la reception, gli ambienti comuni, l'area ristoro.

Come per tutti gli alberghi diffusi, la Casa della favole di Perotti (Ferriere) non ha costruito niente, ma solo recuperato/ristrutturato e messo in rete quello che esisteva già.Un progetto di ospitalità integrato nel territorio, nella sua cultura e nella sua comunità.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    «I cittadini attendono risposte concrete da 15 anni. Noi gliele daremo»

  • Politica

    Ecco il nuovo Consiglio comunale di Piacenza

  • Cronaca

    Trovata dalle unità cinofile in alta Valtrebbia la donna scomparsa

  • Cronaca

    "Neanche spezzata retrocede", la Guardia di Finanza compie 243 anni

I più letti della settimana

  • «Gli obiettivi irraggiungibili non esistono. Volere è potere, la vita non ti regala niente»

  • L’architetto Bissi alla Quarta Giornata Arisi a Palazzo Galli: da Arisi e Ricchetti

  • Le riflessioni di Federico Porro sussurrate ai carrelli del supermercato

  • Don Giuseppe Lusignani alla Quarta Giornata Arisi a Palazzo Galli

  • L’editore Bragalini alla Quarta Giornata Arisi a Palazzo Galli

  • I documenti dell’autonomia di Piacenza ai tempi di Maria Luigia

Torna su
IlPiacenza è in caricamento