"I promessi sposi" al teatro Gioco Vita, il film di Bonnard restaurato e la musica dal vivo

La proiezione del film di Bonnard restaurato si terrà venerdì 19 febbraio alle 21. L'ingresso è libero

Un momento della presentazione

La proiezione della versione restaurata del film de "I promessi sposi" di Bonnard e la musica dal vivo come accompagnamento: questi i due ingredienti dell'iniziativa che si terrà al teatro Gioco Vita. 

Nella mattinata dell'11 febbraio è stato presentato "Il restauro di un colossal: i promessi sposi nell'edizione restaurata e con musica dal vivo" a cura di fondazione Cineteca italiana. 

La proiezione si terrà venerdì 19 febbraio alle 21 nel teatro comunale Filodrammatici. L'ingresso è libero. 

"Il restauro di un colossal: i promessi sposi di Mario Bonnard", la più importante trasposizione cinematografica fatta in Italia del celebre romanzo di Manzoni, verrà proposta nella versione restaurata e con accompagnamento musicale dal vivo. L'accompagnamento musicale sarà eseguito da Francesca Badalini (pianoforte), Giulia Monti (violoncello) e Lydia Colona (clarinetto). 

«È stata davvero un’impresa restaurare "I promessi sposi" – afferma Matteo Pavesi, direttore della fondazione Cineteca italiana – Abbiamo usato materiali del 1922 e del 1934. Il film ebbe un enorme successo all'epoca. Venne poi sonorizzato e si fece il doppiaggio sugli attori dell'edizione muta. Nella ricerca che abbiamo fatto, abbiamo trovato alcuni metri di pellicola in una cineteca svedese: un quarto d'ora di materiale con le scene tagliate del film di Bonard. Alcune scene violente del film vennero censurato all'estero. Nell'edizione che noi abbiamo realizzato, abbiamo reintegrato queste scene».

«Il 19 febbraio – continua - verrà presentata l’edizione muta su cui Francesca Badalini ha realizzato una colonna sonora che rispetta il clima culturale in cui venne realizzato questo film. Verrà quindi proiettata la versione restaurata del film con una accurata ricostruzione delle didascalie e con l'accompagnamento della musica di Francesca». 
«"I promessi sposi" - dice Stefano Pareti, presidente dell'associazione Amici del teatro Gioco Vita - è uno dei 42 progetti per la stagione. Questa si articola in 180 incontri, ovvero un incontro ogni due giorni. Il teatro Gioco Vita è arte, bellezza e cultura e va al di là del sipario sia con il pubblico che con altre esperienze artistiche come per esempio il cinema, la musica e la letteratura». 
«Questa ulteriore proposta della Cineteca - spiega Tiziana Albasi, assessore alla Cultura del Comune di Piacenza - non fa che avvalorare un susseguirsi di rassegne che la cineteca riesce ad avere attraverso il mercato elettronico. L'iniziativa può essere visto anche in un'ottica didattico-formativa. "I promessi sposi" è un romanzo che viene affrontato a scuola ed è molto attuale: pensiamo al tema della legalità e della mafia».

Alla presentazione dell’iniziativa è intervenuto anche il direttore teatro Gioco Vita, Diego Maj, che ha ringraziato chi ha permesso la realizzazione di questo evento.

L'iniziativa è realizzata con il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano ed è organizzato da associazione Amici del teatro Gioco Vita e teatro Gioco Vita in collaborazione con la fondazione Teatri e Comune di Piacenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Dino De Simone non si trova, le ricerche proseguono senza sosta

  • Tre maestre arrestate per maltrattamenti sui bambini all'asilo

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • Ubriaco scappa dalla volante, si schianta contro un palo e poi aggredisce i poliziotti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento