Visita guidata a chiese e palazzi storici: un altro "tutto esaurito" con quasi 200 persone

Terza visita guidata a luoghi di interesse culturale (palazzi e antiche chiese del centro storico di Piacenza) nel giro di tre mesi

Un momento dell'evento

Era la terza visita guidata a luoghi di interesse culturale (palazzi e antiche chiese del centro storico di Piacenza) nel giro di tre mesi. Dopo il successo delle due precedenti iniziative (21 aprile e 19 maggio) anche il tour del 23 giugno alla riscoperta delle chiese di San Lorenzo, San Eustachio, delle Benedettine e di Palazzo Madama (ex carcere) - organizzato dalla Banca di Piacenza come 65esimo evento collaterale alla Salita al Pordenone - ha raggiunto il numero massimo di partecipanti (quasi 200).

Cinque le tappe dell’itinerario di visita tra gli antichi quartieri dei Landi e dei Fontana (i precedenti tour si erano sviluppati tra le residenze gentilizie dei quartieri Scotti e Anguissola), con la professoressa Valeria Poli a fare da cicerone. I partecipanti si sono dati appuntamento davanti a Palazzo Landi (qui la professoressa Poli ha illustrato le decorazioni esterne dell’edificio rinascimentale), sede del Tribunale. Prima tappa la chiesa di San Lorenzo in via del Consiglio 13, complesso conventuale del ‘300 costruito dagli Agostiniani e finanziato dalla consorteria gentilizia ghibellina dei Landi; dalla cappella di Santa Caterina d’Alessandria e dalla zona presbiteriale di sinistra provengono gli affreschi medievali ora conservati, dopo il distacco, al Museo Civico di Palazzo Farnese (quinta tappa della visita guidata).

L’itinerario è proseguito con la chiesa di Sant’Eustachio, sempre in via del Consiglio (al civico 5), citata a partire dal 940 e ricostruita nelle forme attuali tra il 1707 e il 1710. Con la soppressione del titolo parrocchiale, nel 1830 la chiesa divenne oratorio della Confraternita del SS. Crocifisso, attualmente retta dal priore monsignor Pietro Casella. Da alcuni anni Sant’Eustachio è officiata dalla comunità russo-ortodossa. Terza tappa all’ex carcere di via del Consiglio 15, ora sede della Procura della Repubblica: Palazzo Madama, costruito a partire dal 1658, venne destinato alla residenza delle duchesse vedove Margherita de Medici ed Enrichetta d’Este; morta quest’ultima, Ferdinando di Borbone lo destinò a dogana, funzione mantenuta fino al 1884, anno di trasformazione in carcere. Penultima tappa l’ex chiesa delle Benedettine, nella via omonima, proprio di fronte a Palazzo Madama. Qui sono stati visitati cortile, chiostro e anche l’interno. Dedicato all’Immacolata Concezione, il tempio venne commissionato dal duca Ranuccio II nel 1677. La visita guidata si è conclusa con l’illustrazione degli affreschi staccati della chiesa di San Lorenzo ed ora esposti al Museo Civico di Palazzo Farnese. Ai partecipanti è stato distribuito un depliant illustrativo dei monumenti visitati realizzato dalla Banca di Piacenza con testi di Valeria Poli. L’evento - reso possibile grazie alla Procura della Repubblica, al Demanio dello Stato e al Comune di Piacenza - è stato organizzato in collaborazione con Ivri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Tre acconciature da fare prima di andare a letto per avere boccoli morbidi e voluminosi al mattino

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • «Sono fuggito dopo aver investito quell'uomo». Si costituisce il pirata di Vigolzone

  • Travolto da un'auto mentre va al lavoro, grave un uomo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento