Ambiente: stoccaggio Co2, nuovi sviluppi nel progetto

Ieri vertice tecnico-politico in Provincia, la prossima settimana tavoli a Cortemaggiore e Besenzone. Sullo stoccaggio dell'anidride carbonica, Piacenza può tanto: è il luogo di eccellenza tecnologico-energetica, in grado di veicolare tecnologie ambientalmente compatibili per il futuro

L'incontro di ieri in Provincia
L'Assessore provinciale all'ambiente Davide Allegri: “Sul progetto Co2 è nostra intenzione coinvolgere anche il Laboratorio energia e ambiente di Piacenza, che, sul tema, sta conducendo sperimentazioni di altissimo livello e di respiro internazionale”. Piacenza, infatti, ha enormi potenzialità nella lotta all'inquinamento: è il luogo di eccellenza tecnologico-energetica, in grado di veicolare tecnologie ambientalmente compatibili per il futuro.

Il progetto di stoccaggio delle emissioni di Co2 è stato voluto dalla Comunità Europea e ratificato dall'Italia. Ad oggi, però, l’unico punto in cui è possibile captare la Co2 dallo stato gassoso a quello liquido è a Brindisi. “Quando il processo sarà industrializzato – ha spiegato Allegri - sarà possibile captare la Co2 in un raggio assai ridotto per abbassarne i livelli nell’atmosfera e nell’ambiente. E ieri, nel vertice in Provincia, si è parlato proprio di questo: come ottimizzare il trasporto dell'anidride carbonica, il monitoraggio dello stesso trasporto e le modalità di immissione.
  Piacenza è in grado di veicolare tecnologie ambientalmente compatibili  

La prossima settimana, nei comuni di Besenzone e Cortemaggiore, sono in programma due incontri pubblici per affrontare l'argomento con la cittadinanza. “Nei paese normali, democratici e civili, simili decisioni sono veicolate attraverso i passaggi che ad oggi stiamo compiendo, l’unico modo democratico per condividere le scelte sul territorio” ha concluso Allegri.

Gli appuntamenti con la cittadinanza


Lunedì 14 dicembre, ore 21 al teatro Eleonora Duse di Cortemaggiore
Martedì 15 dicembre, ore 21 presso le scuole di Besenzone

Il CCS in breve

CCS è l'acronimo di Carbon Capture and Storage. Si tratta di un sistema per catturare l'anidride carbonica prodotta dalle attività industriali a combustibile fossile, immagazzinandola invece di lasciarla libera nell'ambiente. In questo modo, si potrebbe evitare di emettere nell'aria fino al 90% di Co2.

Fonte Energie-Rinnovabili.net

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Dino De Simone non si trova, le ricerche proseguono senza sosta

  • Tre maestre arrestate per maltrattamenti sui bambini all'asilo

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • «Sono fuggito dopo aver investito quell'uomo». Si costituisce il pirata di Vigolzone

Torna su
IlPiacenza è in caricamento