Approvato il bilancio della Camera di commercio per il 2018: avanzo di 710mila euro

Due sono state le analisi presentate dalla Dirigente dell’Area Economica Finanziaria Ivana Nicolini, il confronto tra il consuntivo 2018 ed il preventivo aggiornato dello stesso anno per evidenziare l’andamento della gestione e quello tra il consuntivo 2018 ed il consuntivo 2017, per registrarne l’andamento nel tempo

Approvato all’unanimità il bilancio di esercizio della Camera di commercio che, come ha segnalato il presidente Alfredo Parietti in apertura di seduta «presenta un risultato positivo per oltre 710 mila euro», grazie ad un aumento dei proventi, anche di natura mobiliare derivanti dalle proprie partecipate, associato ad un’attenta gestione degli oneri correnti.

Due sono state le analisi presentate dalla Dirigente dell’Area Economica Finanziaria Ivana Nicolini, il confronto tra il consuntivo 2018 ed il preventivo aggiornato dello stesso anno per evidenziare l’andamento della gestione e quello tra il consuntivo 2018 ed il consuntivo 2017, per registrarne l’andamento nel tempo.

Occorre preliminarmente evidenziare che nel 2018 l’importo del Diritto annuale a carico delle imprese è stato maggiorato del 20% rispetto all’importo base (importo ridotto del 50% rispetto a quello del 2014) al fine di destinare tale maggiorazione alla realizzazione di quattro progetti strategici approvati dal MISE e riguardanti:

- Supporto alla digitalizzazione delle imprese con l’istituzione di un Punto Impresa Digitale (PID)

- Orientamento al lavoro e alle professioni (Alternanza Scuola – lavoro)

- Sostegno all’internazionalizzazione delle imprese

- Valorizzazione turistica del territorio

Il risultato positivo registrato deriva principalmente dalla gestione finanziaria grazie al conseguimento di consistenti proventi mobiliari derivanti dalla distribuzione di dividendi da parte di proprie partecipate.

La gestione corrente si è invece caratterizzata per  un incremento dei proventi correnti rispetto alle previsioni iniziali per circa 139.000 euro, grazie al positivo andamento di diritti di segreteria - legati all’attività dell’Ente - e agli introiti dell’attività di giustizia alternativa.

All’interno degli oneri correnti l’incremento registrato (circa 288mila euro) è dovuto principalmente alle maggiori imposte calcolate sui maggiori redditi conseguiti, mentre gli oneri relativi all’acquisizione di beni e servizi per il funzionamento, ha fatto registrare la significativa riduzione di oltre 157mila euro rispetto a quanto preventivato.

Anche gli oneri per il personale hanno fatto registrare una ulteriore riduzione in conseguenza della continua riduzione del personale in servizio che, per effetto delle norme specifiche delle Camere di Commercio, non è possibile sostituire.  Tale riduzione, ormai strutturale, sta mettendo a dura prova la capacità dell’Ente di far fronte alle proprie attività.

Le spese per consumi intermedi sono stati ampiamente al di sotto degli stringenti limiti delle normative in materia di “spending review”, nonostante sia stato effettuato un versamento di circa 170mila euro allo Stato, proprio sulle riduzioni di spesa conseguite.

Complessivamente i proventi correnti hanno raggiunto il valore di 4.977.161 euro a fronte di oneri correnti per 5.770.823 euro. Occorre precisare che nell’ambito degli oneri correnti è ricompreso l’importo di circa 1.000.000 di euro  destinato agli  interventi economici.

Le destinazioni più consistenti hanno riguardato gli interventi promozionali a favore del territorio  (oltre 557 mila euro) e i progetti finanziati con l’incremento del 20% del diritto annuale ed in particolare: al progetto PID sono stati destinati 138.400 euro, al progetto orientamento al lavoro e alle professioni 114.500 euro, al progetto di valorizzazione turistica 55.372 euro. Le risorse destinate al sostegno all’internazionalizzazione verranno in larga misura utilizzate nel 2019.

Al risultato della gestione corrente si sommano i risultati positivi della gestione finanziaria e di quella straordinaria che, assieme, hanno concorso al positivo risultato dell’esercizio.

Distribuzione risorse nei diversi settori promozionali

Sono tutti buoni gli indici economici impiegati per la valutazione della performance economica dell’ente. In particolare:

RIGIDITA ’ ECONOMICA = Oneri funzionamento + Oneri personale + Amm.ti e Acc.ti/Proventi correnti

Valore di riferimento < 1    CONSUNTIVO 2017 = 0,93        CPNSUNTIVO 2018 = 0,96

Consente di definire il margine (rispetto a 1) da indirizzare alle iniziative di promozione economica, una volta destinate le risorse agli oneri correnti di funzionamento

MARGINE DI TESORERIA = ATTIVO CIRCOLANTE/PASSIVO CIRCOLANTE

Valore di riferimento = 2     CONSUNTIVO 2017 = 5,23        CONSUNTIVO 2018 = 5,35

esprime la capacità di soddisfare le richieste debitorie a breve termine con le risorse che scaturiscono dalle attività correnti e dalle attività liquide

MARGINE DI STRUTTURA =  PATRIMONIO NETTO + PASSIVO FISSO/IMMOBILIZZAZIONI

Valore di riferimento >1     CONSUNTIVO 2017 = 2,01        CONSUNTIVO 2018 = 2,16

indicatore di solidità patrimoniale che misura la capacità di coprire gli investimenti con i mezzi propri

Tutti gli indici descrivono quindi una Camera di commercio solida dal punto di vista patrimoniale

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • «Lavoratrice instancabile e solare». Filoteea muore a 22 anni

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Precipita nelle acque del Po, salvato appena in tempo

  • Auto avvolta dalle fiamme, conducente scende appena in tempo e si salva

  • Dopo un folle inseguimento tra la gente si scaglia contro i carabinieri: arrestato

Torna su
IlPiacenza è in caricamento