Assegni nucleo familiare, Cgil: «Superate le mille pratiche. Ecco i documenti da portare»

Il sindacato rende nota la modalità per fissare appuntamenti mirati per rispondere nel più breve tempo possibile all'ingente numero di richieste

Hanno abbondantemente superato le mille unità le pratiche che il Patronato Inca Cgil ha inviato all'Inps per conto di lavoratori del settore privato che hanno diritto agli Assegni Nucleo Familiare (Anf). 

Il sindacato rende nota la modalità per fissare appuntamenti mirati per rispondere nel più breve tempo possibile all'ingente numero di richieste. 

Dal mese di luglio, è possibile prenotare un appuntamento seguendo i seguenti passaggi: chiamare il numero 0523/459710 e premere il tasto 1. A quel punto, è possibile scegliere l'ufficio più vicino per l'appuntamento. Il giorno dell'appuntamento è necessario presentare la seguente documentazione: Carta identità e codice fiscale; permesso di soggiorno se cittadini stranieri; codici fiscali dei componenti del nucleo famigliare. Occorre presentare le dichiarazione dei redditi del titolare della domanda e del coniuge se lavora; se si è presentato il modello 730 occorrono tutti e due i moduli CU + 730 ed eventualmente la rendita catastale fabbricati e terreni. Occorre, inoltre, presentare la busta paga e sapere, per le coppie coniugate, la data di matrimonio. Per le coppie di fatto, o separati o divorziati, occorre il modello Anf43 rilasciato dall'Inps e sapere la data di separazione o divorzio. Infine, se presenti, occorre avere copia dei certificati di invalidità.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Treno di pendolari colpito dal carrello di un treno merci, quattro feriti

  • Muore due giorni dopo l'incidente in scooter, tre paesi in lutto per "Bicio"

  • Gazzella dei carabinieri travolta da un'auto durante un controllo

  • A 17 anni scappa dalla polizia e si schianta contro il guard rail

  • Trova tre ladri in casa di notte, fa a botte e ne blocca uno. Arrestato un 31enne clandestino

  • Spunta un quadro nel giardino della Ricci Oddi, è identico al Klimt

Torna su
IlPiacenza è in caricamento