Banca di Piacenza e la Fintech Mdotm per portare l’intelligenza artificiale nelle gestioni patrimoniali

La banca offrirà tradizione e innovazione per la gestione degli investimenti

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Al via l’accordo tra la Banca di Piacenza e la fintech MDOTM su due linee di gestione, differenziate per profilo di rischio ed esposizione al mercato azionario. MDOTM è nata nel 2015 dall’idea di applicare il metodo scientifico allo studio dei mercati finanziari. Oggi è una fintech specializzata nello sviluppo di strategie di investimento che usano l’Intelligenza Artificiale a supporto di banche, wealth e asset manager. Le due gestioni patrimoniali della Banca di Piacenza sfrutteranno l’innovativa metodologia sviluppata da MDOTM che, grazie all’intelligenza artificiale e al machine learning, studia costantemente l’andamento relativo delle asset class per costruire portafogli meglio diversificati e in grado di adattarsi ai mutamenti dei mercati finanziari. Il modello di investimento sfrutta la tecnologia per costruire portafogli bilanciati che investono nelle tradizionali asset class. Non una rivoluzione quindi, ma un evoluzione delle classiche strategie di ottimizzazione di portafoglio, in grado di sfruttare le più moderne tecnologie nel rispetto delle linee guida e della gestione del rischio della banca. “Insieme a MDOTM - spiega il direttore generale della Banca di Piacenza Mario Crosta - è partita una interessante partnership, in grado di unire la forte vocazione territoriale della nostra banca con l’innovazione. L’obiettivo delle banca sarà sempre quello di offrire il miglior servizio ai propri clienti e le due gestioni patrimoniali vanno proprio in questa direzione. Infatti, nell’attuale contesto, caratterizzato da mercati in continua evoluzione, sfruttare a nostro vantaggio le più moderne tecnologie ci permetterà di portare un concreto valore aggiunto ai nostri clienti nel completo rispetto dei loro profili di rischio”. “Siamo molto orgogliosi - afferma Tommaso Migliore, CEO e Co-Founder di MDOTM - di poter collaborare con un partner come la Banca di Piacenza. Negli ultimi anni, i progressi tecnologici ci hanno permesso di utilizzare l’intelligenza artificiale per analizzare e studiare i mercati finanziari in maniera più efficace. La capacità nell’elaborare contemporaneamente una grande mole di dati la rendono quindi un valido strumento nella creazione di strategie in grado di rispondere alla crescente complessità dei mercati”.

Torna su
IlPiacenza è in caricamento