Conad-Auchan, Filcams Fisascat e Uiltucs: «Tempi lunghi per il trasferimento di tutti i dipendenti»

I sindacati al Ministero dello sviluppo economico per le trattative: «Complesse a causa della grave crisi finanziaria del gruppo Sma Auchan»

i sindacati a Roma

L’incontro al Mise richiesto dalle federazioni sindacali di categoria Filcams Fisascat e Uiltucs, che ha visto la partecipazione di esponenti territoriali delle stesse federazioni, si è svolto in data 28 maggio in un clima di grande preoccupazione per il destino occupazionale dei 18 mila lavoratori coinvolti. Il consorzio Conad per il tramite del proprio legale che da mesi gestisce una trattativa difficile, resa ancor più complessa dalla situazione di grave crisi economica-finanziaria del gruppo Sma Auchan, ha proiettato un percorso che prevedibilmente dovrebbe richiedere 4/5 anni per vedere la conclusione. Il punto di partenza sarà l’acquisizione delle quote societarie entro l’estate, da parte di una newco BDC Italia Srl costituita il 14 febbraio 2019, dopodiché si potrà procedere al trasferimento dei lavoratori.

«Conad –spiegano le sigle sindacali - conta di diventare il primo operatore italiano nella moderna distribuzione organizzata. Al momento le due società sono in una fase di analisi che porterà nel breve periodo a disegnare un piano industriale che porti da un lato, a valorizzare e salvaguardare le positività dei due modelli di business, dall’altro ad affrontare e risolvere quelle criticità commerciali ed organizzative che hanno portato il gruppo Sma Auchan in una situazione di grave crisi. Dal canto loro le tre federazioni nazionali hanno manifestato numerose perplessità su molti aspetti della vicenda per come è stata rappresentata e le domande di chiarimento, avranno risposta in occasione del prossimo incontro fissato per il 20 giugno a Roma. Filcams-Fisascat e Uiltucs, sono concordi nel ritenere che sia inverosimile non avere, dopo mesi di trattative tra le due società, alcuna indicazione di merito sul perimetro dei negozi e sui livelli occupazionali, ritenendo poco credibile che si possa concludere un accordo di tale portata, seppur preliminare, senza conoscere il valore dell’investimento necessario per un buon esito dell’operazione societaria. All’incontro del 20 giugno al dicastero, contiamo di sciogliere numerosi nodi che, almeno per il momento, gettano un’ombra sulla vicenda».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Dino De Simone non si trova, le ricerche proseguono senza sosta

  • Tre maestre arrestate per maltrattamenti sui bambini all'asilo

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • Quattro feriti nel frontale sulla Provinciale: auto a canale e pick-up ribaltato

Torna su
IlPiacenza è in caricamento