Confederazione generale bieticoltori, nuovi impianti nel Piacentino di biometano agricolo

Tracciabilità e qualità, con marchio di garanzia made in Italy. Non stiamo parlando di un pregiato formaggio o salume, quanto piuttosto del biometano di origine agricola, che da oggi avrà una punzonatura speciale: “Verdemetano”. Il nuovo marchio, primo in Italia, è stato presentato a Bologna, in occasione della seconda edizione di “A tutto biometano”, dall’ente organizzatore CGBI-Confederazione generale bieticoltori italiani, che rappresenta le due storiche associazioni bieticole nazionali, Anb e Cnb, con una base associativa di oltre 5.200 aziende agricole. «È un biometano speciale, un biocarburante avanzato che proviene esclusivamente dalla lavorazione di sottoprodotti agricoli tracciati - quali polpe di barbabietola, vinacce, sansa, pollina, reflui zootecnici e produzioni agricole di secondo raccolto -, e come tale deve avere un marchio che lo distingue e una giusta valorizzazione sul mercato. Si tratta ora di aggregare i produttori e negoziare al meglio la vendita del prodotto» spiegano Giangiacomo Gallarati Scotti Bonaldi, presidente CGBI e ANB, e Gabriele Lanfredi, presidente CNB. Di fatto, con la registrazione del marchio, CGBI avvia la campagna di comunicazione per diffondere il valore della produzione e rafforzare la piattaforma di scambio “Agri.bio.mobility”, nata un anno fa, che riunisce i produttori agricoli di biometano, il trasporto su gomma e le imprese che puntano alla sostenibilità come fattore distintivo della loro presenza sul mercato. «L’adesione alla piattaforma è aperta a tutti i produttori di biometano agricolo, che potranno così utilizzare il marchio registrato Verdemetano»,assicurano i promotori.

L’evento patrocinato dal Cib-Consorzio italiano biogas, Confagricoltura e Ager Borsa merci di Bologna, ha sancito anche l’accordo tra CGBI e IESBiogas, società italiana con proiezione globale controllata da Snam e attiva nella progettazione, costruzione e gestione di impianti a biogas e biometano. «L’intesa è volta a realizzare i primi impianti del gruppo bieticolo per la produzione di biometano, localizzati nel Piacentino, nel Ravennate e in Lombardia», fanno sapere i vertici di CGBI.

«Siamo partner orgogliosi di questo progetto di filiera agro-energetica legata al trasporto sostenibile che per la prima volta pone l’agricoltore al centro della catena del valore. Crediamo molto nella forza di fare sistema tra agricoltori, territorio e istituzioni per generare sviluppo a lungo termine. Insieme a CGBI, abbiamo promosso un nuovo modo di fare agricoltura, che di fatto è un esempio virtuoso di economia circolare, che riduce le emissioni e crea occupazione. L’iniziativa “Verdemetano” darà un impulso alla nostra agricoltura» dichiara Marco Mazzero, Ceo di IES Biogas.

Potrebbe interessarti

  • Requisiti Reddito di cittadinanza, come fare domanda e quali regole rispettare

  • I trucchi per avere abiti perfetti senza stiratura, anche durante le vacanze

  • Perché smettere di stirare? Vantaggi e consigli

  • Ricetta della sangria, consigli per un aperitivo estivo

I più letti della settimana

  • Migliaia di rotoballe divorate dalle fiamme nella notte, nel rogo muoiono anche alcuni bovini

  • Arrestata per omicidio a Ravenna, a Piacenza era già finita nei guai per stalking e resistenza

  • Cade da una scala, muore operaio

  • Omicidio in piadineria a Ravenna, la coppia è di Travo

  • Grave dopo la caduta dal secondo piano

  • Travolto in bici da un furgone, grave un bambino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento