Domenica 17 novembre a Bobbio il ringraziamento di Coldiretti Piacenza

La tradizionale Giornata Provinciale del Ringraziamento viene festeggiata dalla Coldiretti dal 1951 in tutta Italia con una manifestazione promossa dalla Conferenza Episcopale Italiana (Cei) per rendere grazie per il raccolto dei campi e per chiedere la benedizione sulla nuova annata

Celebrazione zonale a Podenzano

Mancano pochi giorni alla Giornata Provinciale del Ringraziamento, che nel piacentino verrà celebrata domenica 17 novembre nel “Borgo più bello d’Italia” Bobbio. Da sempre l’evento ha un forte significato per gli agricoltori piacentini, come momento di ritrovo e riflessione. La tradizionale ricorrenza viene festeggiata dalla Coldiretti dal 1951 in tutta Italia con una manifestazione promossa dalla Conferenza Episcopale Italiana (Cei) per rendere grazie per il raccolto dei campi e per chiedere la benedizione sulla nuova annata.

«Il pane è fatto per essere spezzato e condiviso, nell’accoglienza reciproca», affermano i vescovi italiani nel messaggio per la 69ª Giornata nazionale del Ringraziamento con un messaggio che insiste sull’importanza della convivialità fraterna. Il titolo è infatti “Dalla terra e dal lavoro: pane per la vita”. Il pane è simbolicamente “fonte di vita” – si legge nel messaggio della Cei - espressione di un dono nascosto che è ben più che solo pane e che va accolto in stili di vita senza spreco e senza avidità, capaci di gustarlo con gratitudine, nel segno del ringraziamento, senza le distorsioni della sua realtà. E infatti, se c’è un alimento che riassume su tutto il pianeta le esigenze fondamentali dell’umanità nel campo dell’alimentazione, questo è il pane.

Un messaggio che dunque verrà ribadito questa domenica a Bobbio, dove le iniziative avranno inizio alle 8.30 con il raduno dei mezzi agricoli, proseguiranno alle 10.30 con il corteo delle autorità accompagnato dalla banda musicale Vignola, la Santa Messa in Duomo delle 11.15 celebrata dal Vescovo monsignor Gianni Ambrosio e dal parroco don Paolo Cignatta e infine la benedizione dei mezzi e l’intervento delle autorità, a fianco del presidente di Coldiretti Piacenza Marco Crotti e del direttore Claudio Bressanutti. Per tutta la giornata piazza San Francesco ospiterà il mercato contadino di Campagna Amica.

I cesti con i prodotti che la Coldiretti porterà all’altare, verranno donati all’istituto Gianelli e al seminario di Bobbio, due realtà che ospitano gli anziani delle nostre montagne.

«Un gesto di sensibilità – afferma don Cignatta - in occasione della Giornata mondiale dei poveri, voluta dal Papa, nei confronti di queste due strutture che fanno tanto per il territorio».

Nel frattempo, in attesa della Giornata provinciale, hanno avuto inizio le celebrazioni nelle singole zone. I prossimi appuntamenti saranno domenica 24 novembre a Vigoleno, a Castione di Ponte dell’Olio e a Pecorara e il primo di dicembre a Caorso.

Coldiretti ricorda che il pane è un eccezionale veicolo di valorizzazione dell’agroalimentare italiano. «Dietro il pane – afferma il presidente Crotti - c’è la terra. Fondamentale è quindi la denominazione d’origine, per aumentare il livello di conoscibilità dei prodotti agricoli e per rafforzare la tutela dei prodotti di qualità dei territori per consumatori consapevoli».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Treno di pendolari colpito dal carrello di un treno merci, quattro feriti

  • Muore due giorni dopo l'incidente in scooter, tre paesi in lutto per "Bicio"

  • Gazzella dei carabinieri travolta da un'auto durante un controllo

  • A 17 anni scappa dalla polizia e si schianta contro il guard rail

  • Trova tre ladri in casa di notte, fa a botte e ne blocca uno. Arrestato un 31enne clandestino

  • Spunta un quadro nel giardino della Ricci Oddi, è identico al Klimt

Torna su
IlPiacenza è in caricamento