«Il primo maggio e la grande battaglia per un lavoro che non uccida»

Arriva nel giorno più significativo per il lavoro, il tragico incidente di Alessandro Zigliani, un uomo di 50 anni sottratto all’affetto dei suoi cari mentre lavorava, da un incidente che non può, e non deve mai, essere considerata una tragica fatalità. Saranno le autorità competenti a stabilire cause e circostanze ma rimane il fatto che quello delle morti per lavoro è uno dei tanti aspetti angosciosi del mondo del lavoro, che anche in termini lessicali viene spesso definito empiamente “mercato”. Ogni tragedia ha la sua storia e le sue peculiarità ma rimane il fatto che le morti sul lavoro di anno in anno aumentano anziché diminuire. Ugl, scrive in una nota Pino De Rosa, è dall’anno scorso che il 1 maggio lo dedica esclusivamente a questo tema scegliendo una città italiana per allestire uno spazio in cui issa centinaia di sagome di donne ed uomini che hanno trovato nel lavoro la morte. Quest’anno a Palermo 1133 sagome perché tanti sono stati i lavoratori morti nel 2018, 104 morti in più rispetto ai 1029 del 2017!

E’ un tema che merita maggiore attenzione dalle istituzioni mettendo nelle condizioni gli organi preposti, che pure ci sono, di verificare e soprattutto prevenire, che deve diventare cultura diffusa anche attraverso le scuole dove ci sono i lavoratori e gl’imprenditori di domani, che necessita di maggiore consapevolezza anche da parte degli stessi lavoratori. Non possiamo negare che la stringente logica dell’utile e della competitività pone anche sotto questo aspetto i lavoratori in una condizione di soggezione da cui scaturisce spesso la tentazione di tacere ed accondiscendere alle “deroghe” che pure sono a volte visibili in azienda. Che il sacrificio di un altro caduto sul lavoro induca almeno alla riflessione e propizi le azioni conseguenti. Sin dai prossimi giorni, insieme al cordoglio che esprimiamo alla famiglia di Ziliani, continueremo intensificando la nostra azione sindacale affinché di lavoro non si muoia più.

  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Al via anche a Piacenza l’indagine che mapperà il Covid, 700 le persone coinvolte

Torna su
IlPiacenza è in caricamento