Iren, modificato lo statuto: il Cda passa a 15 consiglieri

L’assemblea straordinaria degli azionisti di Iren ha approvato la modifica di alcuni articoli dello statuto sociale

L’assemblea straordinaria degli azionisti di Iren S.p.A. ha approvato la modifica di alcuni articoli dello statuto sociale. Le modifiche principali riguardano la cessazione della delega conferita al Consiglio di Amministrazione per aumenti di capitale riservati a soggetti pubblici. L’aumento del numero dei consiglieri che passa da 13 a 15 (con l’ingresso del territorio di La Spezia) e persegue l’obiettivo di garantire una rappresentanza sia ai soci ex Acam entrati nella compagine sociale di Iren S.p.A., sia al socio FCT a seguito della scissione di FSU; la maggioranza qualificata di alcune delibere del Consiglio di Amministrazione; l’aumento del numero dei consiglieri tratti dalla lista di maggioranza che passa da 11 a 13; l’aumento del numero dei componenti effettivi del collegio sindacale che passa da 3 a 5.

L’assemblea ordinaria ha inoltre autorizzato il Consiglio di Amministrazione ad acquistare e disporre di azioni proprie di Iren S.p.A. Il Consiglio di Amministrazione potrà effettuare operazioni di acquisto e di disposizione di azioni proprie per un massimo di 65.000.000 di azioni della Società, pari ad un ventesimo del capitale sociale. Il programma di acquisto di azioni proprie è consentito per diciotto mesi a decorrere dalla delibera assembleare. Il controvalore massimo delle azioni acquistabili nell’ambito del programma di acquisto di azioni proprie, non potrà essere superiore all’ammontare degli utili distribuibili e delle riserve disponibili risultanti dall’ultimo bilancio regolarmente approvato.

L’assemblea ha conferito al CdA ogni più ampio potere, da esercitarsi con la più ampia discrezionalità, affinché proceda all’attuazione degli atti di acquisto nel pieno rispetto della normativa vigente. L’operazione ha la finalità di dotare il gruppo di una provvista di azioni disponibili per operazioni di crescita esterna anche in sostituzione dell’aumento di capitale deliberato nel 2016 e revocato con l’approvazione delle modifiche statutarie avvenuta in data odierna. «Le modifiche statutarie approvate dall’assemblea degli azionisti – ha dichiarato Paolo Peveraro, presidente del gruppo - consentono una maggiore rappresentanza del territorio all’interno del Consiglio di Amministrazione grazie alla possibilità, data ai comuni Spezzini, di eleggere un loro membro all’interno del Consiglio di Amministrazione nell’ottica di rafforzarne il legame per agevolare il conseguimento degli obiettivi strategici».

Potrebbe interessarti

  • «Centro diagnostico Rocca, eccellenza medica privata a supporto del sistema pubblico»

  • Perino e la curiosa storia della località "Due Bandiere"

  • Ricette piacentine: i pisarei e fasò

  • Piscine interrate: i costi e i tempi per averne una nel proprio giardino

I più letti della settimana

  • Bloccano un aggressore, poliziotti accerchiati e aggrediti al Peep

  • Prende a martellate la moglie, poi si accoltella al cuore: muore ex macellaio di Piacenza

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta nel campo, è gravissimo

  • La Polizia Stradale fa un controllo sull’A21 Piacenza-Cremona e spunta David Hasselhoff

  • Caos al Peep, Salvini: «Sono felice di cacciare il marocchino che ha aggredito la donna e il poliziotto»

  • Neonato di 8 mesi si ustiona all'Autogrill, portato in volo a Parma

Torna su
IlPiacenza è in caricamento