La Burzoni di Gariga parteciperà alla fiera Bimu di utensileria

Reduce da "Emo", la principale fiera mondiale dedicata a utensileria e meccanica, la Burzoni Srl di Gariga esporrà anche alla Bimu, altra prestigiosa biennale di settore. Cavalli: "Un'eccellenza piacentina anche "in rosa""

Reduce da "Emo", la principale fiera mondiale dedicata a utensileria e meccanica, la Burzoni Srl di Gariga esporrà anche alla Bimu, altra prestigiosa biennale di settore. L'appuntamento è dal 5 al 9 ottobre a FieraMilano. La novità è emersa nel corso dell'incontro di questa mattina tra la socia proprietaria dell'azienda, Arianna Burzoni e il consigliere regionale leghista Stefano Cavalli. 40mila articoli a catalogo, 6milioni di pezzi in magazzino, Burzoni ha sottolineato che quello dell'omonima azienda è «uno dei depositi più capienti d'Europa».

L'area di estensione è di mille metri quadrati, ma grazie alla tecnologia si sfrutta lo stoccaggio verticale. «7 magazzini automatizzati alti sette metri l'uno ci consentono di depositare fino a 500 chili per ripiano per 67 cassetti ciascuno». 40 dipendenti, con una squadra di agenti che lavora sul territorio, l'Srl «serve officine meccaniche con un catalogo completo in grado di affrontare la quasi totalità delle operazioni di asportazione del truciolo. E si tratta interamente di prodotti italiani - sottolinea la titolare - a marchio TungLoy (Tung da "Tungsteno", di cui si compongono gli inserti da tornitura e fresatura e "Loy" diminutivo di "Alloy", lega)».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Dimostrazione - ha commentato Cavalli - che le nostre lavorazioni di qualità riescono a vincere le sfide del mercato. Burzoni è una di quelle realtà storiche per Piacenza, da 40 anni opera nel settore ed è un fiore all'occhiello per il territorio. Arianna rappresenta inoltre un ottimo esempio di imprenditoria "in rosa". Il panorama delle nostre aziende ha bisogno di giovani intraprendenti, di temperamento, con voglia di fare, in grado di portare nel mondo industriale quel valore aggiunto tutto al femminile».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco, prima litiga con il buttafuori poi picchia i carabinieri e li manda all'ospedale: arrestato

  • Tragico tamponamento fra Tir, autista muore schiacciato nella cabina

  • Camionista ucciso a Fiorenzuola, sul tir dell’imputato 8 coltelli

  • «Al pascolo non mi manca nulla, volevo questa vita all'aria aperta»

  • Sestri Levante, piacentino riempito di botte per un cellulare

  • Schianto all'incrocio tra via Martiri e via Boselli, due feriti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento