Liquidità, Coldiretti: «Bene anticipi Pac su titoli e greening»

Cremonesi: "Risorse finanziarie utili a dare continuità alle attività produttive"

Giovanni Cremonesi, direttore di Coldiretti Piacenza

E’ riconducibile alle difficoltà economiche in cui versano numerose aziende agricole, la recente decisione da parte del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali di impartire agli organismi pagatori le direttive per la messa in atto delle procedure di anticipo Pac. A renderlo noto è Coldiretti Piacenza nel sottolineare che gli anticipi, fissati nella misura del 70 per cento e partiti a far data dal 16 ottobre scorso, sono subordinati agli esiti dei controlli amministrativi resi disponibili nell’ambito delle funzionalità Sian riservate agli organismi pagatori. 

I pagamenti interessati dall’anticipo, fanno sapere dall’organizzazione, sono quelli riconducibili ai titoli (pagamenti di base) e alle pratiche agricole benefiche per il clima e l’ambiente, il cosiddetto greening. Sono esclusi dagli anticipi i beneficiari per i quali sono state rilevate anomalie che al momento non consentono l’erogazione dello stesso, le aziende che operano nel regime dei piccoli agricoltori oltre che i pagamenti per il sostegno accoppiato facoltativo. 

“L’anticipo dei pagamenti, commenta Giovanni Cremonesi, direttore di Coldiretti Piacenza,  si rende di vitale importanza per mettere a disposizione delle aziende le risorse finanziarie utili a dare continuità alle attività produttive messe a dura prova dall’estrema volatilità dei prezzi. Se è vero infatti che i prezzi dei prodotti alimentari al consumo aumentano su base annua dello 0,1 per cento, in agricoltura si registra una profonda deflazione con quotazioni fortemente condizionate dai movimenti di capitale che si spostano con facilità dai mercati finanziari a quelli delle materie prime e quindi non solo  petrolio e metalli preziosi ma anche grano, mais e soia declassando, di fatto, il cibo a merce di scambio anonima e indifferenziata”. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In questo contesto, conclude Cremonesi, alle speculazioni internazionali che spesso non hanno nulla a che fare con la reale situazione di mercato si aggiungono le distorsioni di filiera anche a livello nazionale con il risultato che, nel giro di un anno, le quotazioni del grano duro hanno perso il 43 per cento mentre si registra un calo del 19 per cento del prezzo del grano tenero. Una situazione insostenibile, con livelli di remunerazione tornati indietro di 30 anni e che non consentono una programmazione degna di qualsiasi attività imprenditoriale che possa davvero definirsi tale con il forte rischio di trovarsi in situazioni finanziarie problematiche e di non poter dare continuità alle attività e garantire alta qualità e sicurezza alimentare ai consumatori.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Ubriaco, prima litiga con il buttafuori poi picchia i carabinieri e li manda all'ospedale: arrestato

  • Sestri Levante, piacentino riempito di botte per un cellulare

Torna su
IlPiacenza è in caricamento