Onav: dalla terra alla tavola, lo straordinario percorso del vino

Dal vigneto, alla cantina, alla tavola, alla scoperta dello straordinario viaggio del vino: è l'esperienza riservata ad una decina di soci di Onav (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino) della sezione territoriale di Piacenza

Dal vigneto, alla cantina, alla tavola, alla scoperta dello straordinario viaggio del vino: è l’esperienza riservata ad una decina di soci di Onav (Organizzazione Nazionale Assaggiatori di Vino) della sezione territoriale di Piacenza che, in diversi appuntamenti, hanno potuto ascoltare e verificare “sul campo” le nozioni teoriche apprese durante i corsi che l’associazione organizza per offrire una preparazione in più omogenea possibile.

I corsi, gli incontri, le iniziative tese a fare conoscere l'importanza  e il piacere dell'assaggio del vino, sono punti fermi nella mission di questa associazione, obiettivi che coinvolgono sia il consumatore per renderlo più consapevole, ma anche i produttori per orientarli ad essere più attenti e preparati nella loro attività e favorire un approccio sempre più corretto con il prodotto. La parte relativa alle operazioni nel vigneto si è svolta presso l’azienda agricola “La Pusterla” della famiglia Gandolfi che ha sede in'antica azienda agricola in un bellissimo angolo della Val d'Arda a due passi da Vigolo Marchese. Lezioni di potatura, potatura “verde”, raccolta e vendemmia.

Per la parte riservata alla cantina, i soci Onav si sono recati presso l’azienda Podere Pavolini di Graziano Terzoni ubicata sulle prime colline della Val d’Arda in località Paolini di Bacedasco Alto nel Comune di Vernasca. In questo caso sono state esperite le prime operazioni vendemmiali, le filtrazioni, l’imbottigliamento, il metodo classico per vini spumanti ecc. Un’esperienza davvero significativa per arricchire il proprio bagaglio culturale enoico che si è conclusa con la consegna dei diplomi da parte della coordinatrice Paola Graziani e di Danilo Vermi per la parte relativa alla cantina.“E il prossimo anno- ha ribadito il delegato provinciale Matteo Balderacchi sicuramente un’altra puntata alle “radici del vino”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I prossimi appuntamenti: il 22 novembre, sempre presso la Pizzeria Ristorante De Gustibus River di via Bixio a Piacenza, con inizio alle ore 20:30, si parlerà dei difetti del vino, una vera e propria master class sui difetti e le alterazioni dei vini, con una corposa parte pratica che accompagnerà quella teorica. A fare da guida a questa vera e propria maratona olfattiva e tecnica, saranno Giuseppe Meglioli e Federica Bonello, enologi, assaggiatori e docenti ONAV. “L'importanza della serata- ha spiegato Balderacchi- si può riassumere nella necessità non solo di saper riconoscere quando un vino presenta difetti apparentemente impercettibili, ma anche di tutelare la propria salute che verrebbe naturalmente minata dalle alterazioni chimiche o biologiche che si verificano talvolta nei vini”. Il 14 dicembre degustazione dei vini della Georgia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Furti nei magazzini della logistica piacentina, maxi blitz all'alba con quaranta arresti

  • Ubriaco, prima litiga con il buttafuori poi picchia i carabinieri e li manda all'ospedale: arrestato

Torna su
IlPiacenza è in caricamento