Oscar Coldiretti, premiata la piacentina "Biofilia"

Consegnati i premi alle eccellenze agricole under 35 dell’Emilia Romagna

I premiati

L’azienda “Biofilia” dedita all’allevamento di galline ovaiole e ornamentali a Sariano di Gropparello nel Piacentino ha ricevuto ieri sera, mercoledì 24 luglio, la menzione speciale del premio “Campagna Amica” degli Oscar Green 2019 organizzati da Coldiretti Emilia Romagna.

A ritirare il riconoscimento per “Biofilia” è stata Grazia Invernizzi, giovane pavese trasferitasi con il compagno Mauro Fumagalli nel Piacentino dal 2017. La coppia alleva all’aperto con metodo biologico 250 galline, di cui 200 ovaiole e 50 ornamentali. Tra queste ultime ci sono la padovana Ciuffata e la polverara che è una razza in via di estinzione, della quale la giovane è selezionatrice a livello nazionale da otto anni. Per accrescere la rete di vendita delle uova, è ormai verso l’avvio il centro di imballaggio che Biofilia ha realizzato insieme al neonato laboratorio alimentare e di smielatura, per la realizzazione di confetture, giardiniere e naturalmente per la produzione del miele.

Secondo uno studio di Coldiretti regionale su elaborazione dei dati di Unioncamere le aziende agricole condotte da giovani in Emilia Romagna sono 2287, il 4% in più rispetto al primo trimestre del 2018. Inoltre il comparto agricolo è l’unico, per quanto riguarda gli under 35, a far registrare dati in crescita, con industria, commercio, costruzioni e servizi tutti in calo rispetto al primo trimestre del 2018.

Di questi temi si è dibattuto durante la tavola rotonda: “Agricoltura è futuro”. Vi hanno preso parte il presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, l’Arcivescovo di Bologna, Matteo Zuppi, il prof. Felice Adinolfi e il presidente di Coldiretti Emilia Romagna, Nicola Bertinelli.

«Chi meglio delle aziende agricole gestite da giovani può rappresentare il futuro? I giovani agricoltori – ha detto l’Arcivescovo Zuppi – vanno sostenuti nel loro compito di garantire delle prospettive importanti all’agricoltura e un’impagabile tutela del territorio».

«L’innovazione in agricoltura – ha dichiarato il presidente della Regione, Stefano Bonaccini – passa dalla nuova generazione degli agricoltori; sono loro che sapranno collocare l’agricoltura all’interno di una società in continuo mutamento e nella quale il comparto agricolo avrà un’importanza sempre maggiore».

A guidare la delegazione piacentina Marco Crotti, presidente di Coldiretti Piacenza e Davide Minardi, delegato di Coldiretti Giovani Impresa Piacenza.

Tutti molto innovativi i progetti premiati: dall’allevamento di novellame, praticamente i pulcini delle vongole, pensato per ripopolare la sacca di Goro ai foulard realizzati a Sarsina con la seta non violenta e intrisi di oli essenziali che vengono rilasciati sulla pelle lungo la giornata. Ma c’è anche l’aglio nero realizzato con il DOP di Voghiera, il centro “Eskere!” di Codemondo dove i ragazzi imparano a lavorare con le api, il pilates nel frutteto, sull’appennino parmigiano, le vigne di lambrusco del modenese in cui si aiutano i diversamente abili, il ranch yankee a due passi da Ravenna e l’associazione delle fattorie didattiche con sede a Bologna.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbalzato dall’auto che si ribalta nel campo, muore un 51enne

  • Una coop creata per truffare lo Stato e fare soldi, 135 dipendenti senza contributi: scoperta maxi evasione

  • Si pente della droga e in confessione ne lascia un chilo e mezzo al parroco

  • Presidente del Vigolo aggredito a bastonate e rapinato, è grave

  • Investito da una fiammata, gravissimo

  • Rapinato e picchiato sotto casa

Torna su
IlPiacenza è in caricamento