Provincia, spazio alle donne

Pronti 26 tirocini formativi per il reinserimento o il primo impiego dedicati alle donne. Il presidente Boiardi: “Le donne sono sicuramente più esposte alle conseguenze dell'attuale crisi economica”. E gli stage sono retribuiti: da 700 a 1300 euro al mese

Crisi economica e donne. La Provincia ha messo a punto 26 tirocini formativi e di orientamento volti a favorite l'ingresso oppure il reingresso di donne nel mercato del lavoro. L'idea per arginare la crisi economica, è stata promossa dalla Consigliera di parità Rosa Maria Susani.

I tirocini sono rivolti a donne in situazione di svantaggio, giovani donne laureate e donne ultra trentenni. “Le iniziative di politica attiva del lavoro risultano di particolare significato in quanto le donne sono sicuramente più esposte alle conseguenze dell'attuale crisi economica. Gli stage o tirocini di formazione e orientamento sono delle soluzioni particolarmente consone per i target individuati”, ha spiegato ieri mattina il presidente Boiardi, presentando il progetto alla stampa.

Non da poco anche le risorse economiche messe in campo per sostenere i tirocini. Lo ha spiegato l'assessore Tribi: “Il pacchetto di iniziative odierno, finanziato per 70 mila euro, affianca quello del valore di 130 mila euro già reso disponibile dalla Provincia nell'ambito dell'avviso per la Formazione professionale, che consente l'avvio di progetti di tirocinio per giovani alto scolarizzati e donne ultra trentenni”.
  Le donne sono sicuramente più esposte alle conseguenze dell'attuale crisi economica  

Una risposta, sottolinea Tribi, “Che speriamo possa risultare, come già accaduto in passato, motore per l'inserimento nel mondo del lavoro”. Non saranno tirocini gratis, dunque, quelli dedicate alle donne svantaggiate o al primo lavoro. La Provincia riconoscerà alle tirocinanti un'indennità individuale pari a 1395 euro per un massimo di 450 ore di tirocinio per le donne svantaggiate (è inoltre previsto un ulteriore contributo di 200 euro per ogni mese di tirocinio svolto, per chi concluderà il percorso).

Per le over trenta, 400 euro mensili per un periodo di tirocinio di un massimo di sei mesi e 500 euro mensili per un periodo di tirocinio di un massimo di sei mesi per le giovani laureate. Per entrambe le categorie, ulteriori 300 euro al mese, a titolo di rimborso spese, verrà riconosciuto dai datori di lavoro ospitanti.
  Gli stage saranno tutti retribuiti  

E i possibili sviluppi dello stage? Ha risposto la consigliera di parità Rosa Maria Susani “Dal monitoraggio effettuato dai Centri per l'impiego risulta  come oltre il 40% dei tirocinanti  vengano assunti dall'azienda presso cui hanno svolto lo stage; per l’80% dei tirocinanti il tirocinio è un’esperienza fondamentale ed un veicolo per l'inserimento nel  nel mondo del lavoro”.

Le domande di partecipazione possono essere presentate da subito, per le donne laureate è invece prevista la possibilità di presentare la propria candidatura alla Provincia entro il 30 aprile. Gli avvisi pubblici contenti la disciplina per la partecipazione alle iniziative sono rinvenibili sul sito internet della Provincia all'indirizzo www.provincia.pc.it, sezione lavoro. Informazioni possono essere richieste ai Centri per l'impiego della Provincia.


Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbalzato dall’auto che si ribalta nel campo, muore un 51enne

  • Si pente della droga e in confessione ne lascia un chilo e mezzo al parroco

  • Presidente del Vigolo aggredito a bastonate e rapinato, è grave

  • Investito da una fiammata, gravissimo

  • Raduno del Secondo Raggruppamento Alpini, come cambia la viabilità

  • In bilico sul viadotto dell'A21, i poliziotti della Stradale lo salvano appena in tempo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento