homemenulensuserclosebubble2shareemailgooglepluscalendarlocation-pinstarcalendar-omap-markerdirectionswhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companieslocation-arrowcarbicyclesubwaywalkingicon-cinemaicon-eventsicon-restauranticon-storesunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Pomì al Winter Fancy Food 2016

Costantino Vaia: l'export del Made in Italy verso gli Stati Uniti aumenta di anno in anno, e rappresenta, per quanto ci riguarda, una delle più importanti opportunità di crescita

Costantino Vaia

Si è aperto domenica 17 gennaio, presso il Moscone Center di San Francisco, la 41° edizione del Winter Fancy Food Show, la più grande esposizione alimentare della West Coast (USA). Tra gli espositori anche la Pomì USA, controllata al 100% dal Consorzio Casalasco del Pomodoro, che dal 2009 importa, distribuisce i prodotti Pomì gestendone la politica commerciale e marketing del brand. Anche quest’anno la società, con sede in New Jersey, chiude il 2015 con una crescita di oltre il 10%, confermando il trend positivo degli ultimi sei anni.

Pomì, presente in oltre 20.000 punti vendita, soprattutto nelle ricche aree di New York e Florida sulla East Coast e San Francisco e Los Angeles sulla West Coast, vanta un posizionamento premium sul territorio statunitense e la sua grande forza risiede nella riconosciuta qualità del prodotto e nell’italianità che da sempre rappresenta uno standard d’eccellenza negli Stati Uniti.

Con 1.400 espositori, 35 Paesi partecipanti e oltre 80.000 referenze e prodotti alimentari best-in-class, l’edizione 2016 del Winter Fancy food registra ancora una volta un significativo aumento di espositori italiani sotto l’insegna “The Extraordinary Italian Taste”,con l’obiettivo di presentare al consumatore americano tutta l’autenticità e qualità del prodotto italiano.

A questo proposito, Pomì USA nel 2016 lancerà la nuova gamma biologica, come conferma Costantino Vaia, presidente della Pomi Usa e dg del Consorzio Casalasco del Pomodoro: “L’export del Made in Italy verso gli Stati Uniti aumenta di anno in anno, e rappresenta, per quanto ci riguarda, una delle più importanti opportunità di crescita. Anche nel 2015 abbiamo continuato ad investire in comunicazione, ed il ritorno, in termini di vendite, è stato estremamente positivo. Il mercato alimentare americano si dimostra vivace ed attivo, soggetto a trend in continua evo­luzione. In particolare, si evidenzia un significativo incremento dei consumi verso prodotti semplici e più naturali. Ed è proprio per questo che abbiamo deciso di lanciare anche qui la nuova linea Pomi bio, per completare la nostra gamma prodotti e soddisfare al meglio i nostri consumatori.”

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Rapinatore entra in tabaccheria armato, il titolare lo blocca e lo consegna alla polizia

    • Cronaca

      E’ un piacentino disoccupato e incensurato il rapinatore della tabaccheria

    • Cronaca

      «Mi ha dato delle coltellate. Ma io l’ho preso e non l’ho mollato» [Video]

    • Economia

      Banca di Piacenza, +7,06 per cento di utile. Giuseppe Nenna nuovo presidente del Cda

    I più letti della settimana

    • «Copador, profondo rosso. E i soci che dicono?»

    • Banca di Piacenza, +7,06 per cento di utile. Giuseppe Nenna nuovo presidente del Cda

    • Pomodoro del Nord Italia, trasformate già 1.124.000 tonnellate di prodotto brix elevato

    • Mercato immobiliare, in ripresa le compravendite a Piacenza nel 2015: più 3,3%

    • Aflatossine: un seminario per prevenire i problemi

    • «Glifosate bandito dall’Italia. Ma che ne sappiamo della carne importata?»

    Torna su
    IlPiacenza è in caricamento