Pomorete, due progetti per il risanamento dei terreni gravemente inquinati in Italia

L'azienda Ecosistemi (Pomorete) e l'università Federico II di Napoli potrebbero mettere insieme due progetti: uno è piacentino ed è volto a ridare fertilità ai terreni e uno è napoletano, per la decontaminazione dagli inquinanti

Paolo Manfredi

La rinascita dei terreni gravemente inquinati in diverse parti d'Italia, tra cui la cosiddetta "Terra dei fuochi", potrebbe non essere poi così distante grazie a due progetti presentati all'università Cattolica di Piacenza.

In dicembre si è tenuto il seminario "Il progetto Life-Ecoremed per l'identificazione e il risanamento dei suoli agricoli inquinati", organizzato dall'Istituto di Chimica agraria e ambientale della facoltà di Scienze agrarie.

La giornata è stata aperta da Marco Trevisan, direttore dell'Istituto Chimica Agraria e Ambientale, cui sono seguite le relazioni di Paolo Manfredi, biologo, che ha presentato il progetto New Life di m.c.m. Ecosistemi (fa parte di Pomorete, la prima filiera italiana del pomodoro), e di Massimo Fagnano, docente dell'università di Napoli Federico II, Dipartimento di agraria, che ha esposto il progetto Life Ecoremed. Un altro seminario è previsto a Napoli, sempre per mettere a confronto le due tecnologie e studiare una metodologia di impiego dei due progetti.

«Il lavoro svolto dal gruppo dell'università di Napoli è indirizzato alla depurazione dei suoli agricoli interessati da alcuni tipi di contaminazione. Durante l’incontro abbiamo trovato diversi punti di reciproco interesse che potrebbero unire le due tecnologie. Le terre prodotte da Ecosistemi - ha spiegato Manfredi - avendo caratteristiche di elevata fertilità possono contribuire ad attivare i processi di decontaminazione dei suoli, soprattutto da idrocarburi e metalli pesanti, studiati da Fagnano».

Batteri e funghi saranno le armi da usare contro le sostanze che inquinano. L'ipotesi è quella di creare le condizioni «affinché i processi di decontaminazione di tipo biologico possano essere ancora più efficienti rimuovendo gli inquinanti attraverso la fitodepurazione e la degradazione batterica e fungina». Gli studi dell'università Federico II sono avanzati per quanto riguarda la bonifica dagli inquinanti, mentre la tecnica messa a punto da Ecosistemi ridà nuova vita ai terreni grazie alla ricostituzione, la "messa a nuovo", di suoli stressati e compattati dall'usura e dal tempo, suoli in cui le sostanze nutritive sono venute meno. Una tecnica che ha già attirato l'interesse della Ue e che potrebbe vedere presto una applicazione in Nordafrica.

lab ecosistemi

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Botte al compagno di cella, ma l’omicida viene assolto

  • Cronaca

    Detenuto picchiato: «L’inchiesta va archiviata», la difesa: «No, deve continuare»

  • Politica

    Bimbo disabile giù dal bus Seta, intervengono due ministri

  • Attualità

    Sono sette gli alberi monumentali del Piacentino

I più letti della settimana

  • Auto fuori strada, un morto e tre feriti gravissimi: due sono bambini

  • Bimba di 8 anni muore in ospedale, era sull'auto ribaltata fra Piacenza e Castello

  • Terribile schianto fra Piacenza e Castello, almeno cinque feriti

  • Lutto nella politica piacentina, addio a Gian Luigi Boiardi

  • Si schianta contro un palo della luce alla rotonda, ferito 40enne

  • Esce dall'abitacolo in fiamme sull'A4 ma viene travolto, muore 64enne piacentino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento