Turismo nel Piacentino, crescono gli italiani ma diminuiscono gli stranieri

Nel 2016, nel complesso degli esercizi ricettivi, le presenze sono state 478.318, in aumento rispetto al 2015 del 7,5% e che gli arrivi si sono attestati a 241.220, in crescita sull’anno precedente dell’8,6%

Su Piacenzaeconomia è disponibile un approfondimento sulla provenienza dei turisti italiani e stranieri, e sulla distribuzione territoriale delle presenze turistiche (il capoluogo e le altre aree provinciali), dopo l’analisi più generale del turismo nel 2016 pubblicata il mese scorso. Nel 2016, nel complesso degli esercizi ricettivi, le presenze sono state 478.318, in aumento rispetto al 2015 del 7,5% e che gli arrivi si sono attestati a 241.220, in crescita sull’anno precedente dell’8,6%. Dal punto di vista della provenienza, i turisti italiani crescono del 13,8% a livello di arrivi e del 12,5% a livello di presenze, i turisti stranieri invece purtroppo calano, -0,6% nel primo caso, -1,7% nel secondo.  L’analisi delle componenti nazionali mostra che il turismo piacentino – come risaputo - è soprattutto un turismo di prossimità, al quale si deve anche in questa occasione gran parte del risultato a consuntivo 2016: le presenze dei turisti provenienti dall’Emilia-Romagna crescono infatti rispetto all’anno precedente del 28%, quelle dalla Lombardia e dalla Liguria del 16%, quelle dal Piemonte del 15%, contro un aumento medio complessivo del 12,5%. 

Per quanto riguarda invece la dinamica leggermente negativa della componente estera, è dovuta soprattutto all’evoluzione dei pernottamenti di cinesi (-24,5%) e romeni (-30,4%), le cui perdite non sono state sufficientemente assorbite dagli aumenti delle presenze tedesche (+32,9%), e nonostante le presenze quasi triplicate dei turisti polacchi (+164,9%). Questo risultato è stato determinato altresì dal modesto contributo dei francesi, che rappresentano la principale componente dei flussi dall’estero, aumentati infatti solo del 5,7% rispetto all’anno precedente. A livello territoriale invece, i movimenti turistici si sono concentrati nel 2016 per oltre il 50% nel capoluogo Piacenza (quasi 132 mila arrivi e oltre 256 mila presenze), mentre l’Appennino ha assorbito una quota attorno al 10% (circa 20 mila arrivi e 58 mila presenze); ai rimanenti comuni di pianura e bassa collina si riferisce il restante terzo (quasi 90 mila arrivi e 164 mila presenze) dei flussi registrati.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • qualcosa non mi torna; i famosi "turisti per sempre" arrivati coi barconi e alloggiati nelle strutture non li contiamo? eppure sono in hotel, agriturismi, ostelli .. mangiano, bevono e gli diamo pure qualche euro. Dai dati sembrano in forte aumento, pero' se voi dite di no..

    • Avatar anonimo di Non plus ultra
      Non plus ultra

      Stavo per scrivere esattamente la stessa cosa, mi hai preceduto :)

Notizie di oggi

  • Cronaca

    «In palestra o a fare spesa durante l'orario di lavoro»: indagati cinquanta dipendenti del Comune

  • Politica

    «Danneggiata l'immagine della città, ci sentiamo tutti traditi»

  • Cronaca

    Siccità, la situazione è allarmante: servono coesione sociale e buon senso

  • Politica

    «Sconcertante, ma non sono sorpreso. Avevamo sanzionato numerosi casi»

I più letti della settimana

  • Giuseppe Sidoli nuovo presidente del Consorzio vini Doc Colli piacentini

  • Emergenza siccità, vertice in prefettura con il ministro dell'Ambiente Galletti

  • I social e tutti i meccanismi della bugia

  • «Le battaglie per difendere gli imprenditori sono interesse generale del paese»

  • I rivi sono un sistema di pubblica utilità, da sempre inseriti in un regime pubblicistico

  • Cgil: «Buon lavoro al nuovo sindaco»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento