Venite a scoprire molino DallaGiovanna

La perfetta sintesi di tradizione e innovazione

Sabato 11 maggio ritorna a grande richiesta l’evento Molini a porte aperte ideato da Italmopa, Associazione Industriali Mugnai d’Italia. L’evento ha l’obiettivo di diffondere la conoscenza del processo di trasformazione del frumento tenero e duro per la produzione di farine e semole, attraverso la visita di uno dei 25 Molini che, dal Trentino Alto Adige alla Sicilia, hanno aderito all’iniziativa e che apriranno pertanto le loro porte al pubblico.

Tra questi molini troviamo un’eccellenza del settore: il Molino Dallagiovanna, un esempio di alto livello per la tecnologia applicata nell’arte molitoria e per il rispetto nelle tradizioni che dal 1832 la famiglia dei fondatori porta avanti con rigore. Il Molino Dallagiovanna lavora il grano, una materia prima preziosa, che trasforma in farina, per produrre molti alimenti essenziali per il nutrimento e il benessere delle persone. Un lavoro delicato e complesso: dalla scelta della materia prima, alla sua lavorazione e distribuzione nel mercato.

Sono previste 3 visite del Molino Dallagiovanna durante i seguenti orari: ore 09:00 - 11:30 -14:00.

Per prenotare la tua visita 

Tel. 0523 787155  interno 5  

via mail a: corsi@dallagiovanna.it

Durante la visita sarà possibile scoprire tutti i segreti per produrre le migliori farine al mondo scelte dai migliori professionisti dell’Arte Bianca e degustare il prodotto finito. Il Molino produce 3.500 quintali di farine al giorno, in oltre 450 tipologie: dalle tradizionali 0 e 00 per pane, pasta, pasticceria e pizza, una linea ricca di nutrienti, fibre e antiossidanti composta da 3 farine di Tipo 1 a forza crescente, una integrale e il Tritordeum, incrocio naturale tra grano duro e orzo selvatico, una linea di preparati senza glutine e senza lattosio, specifici per ogni settore dell’Arte Bianca, semilavorati professionali e farine specifiche per pizza con le virtù del germe di grano studiate per i vari settori alimentari – pasticceria, pizzeria, pasta e pane. Ogni prodotto del molino nasce e termina il proprio percorso nei laboratori Dallagiovanna: nella fase di analisi e ricerca, dove i grani sono testati e vengono studiate le migliori miscele per ogni prodotto, anche “su misura”. Durante i test d’Arte Bianca, dove la protagonista è l’opera finita, lavorata dalle sapienti mani dei Maestri, provata e riprovata dagli allievi dei corsi e dei workshop tematici organizzati dal Molino, anche in collaborazione con l’Accademia Maestri Pasticceri Italiani (AMPI), ‘Associazione Verace Pizza Napoletana (AVPN) e i principali enti di formazione come Cast Alimenti. Lo storico stabilimento produttivo nelle campagne del piacentino rappresenta lo stato dell’arte in ambito di tecnologie molitorie con due impianti di macinazione Bülher (ciascuno) a 18 laminatoi, con una macinazione lenta e a freddo, il tutto gestito in modo computerizzato. A questo si aggiunga un metodo di lavoro sapiente e antico che cura ogni singola fase produttiva con grande attenzione. Basti pensare che ancora oggi, tutto il grano viene lavato in appositi macchinari per migliorare le prestazioni tecniche della materia prima in termini di umidità, eliminando ogni impurità, fin dalla prima fase di lavorazione. Molino Dallagiovanna è una realtà internazionale che esporta in oltre cinquanta paesi al mondo, occupa 46 dipendenti e ha un volume d’affari di 28,5 milioni di Euro. Negli anni il Molino ha saputo stringere partnership con alcuni dei più importanti esperti dell’arte bianca, sia in Italia che nel mondo. In Italia, uno storico estimatore delle farine Dallagiovanna è Iginio Massari mentre, per il mercato francese il molino annovera tra i propri clienti nomi come quello di Pierre Hermé, uno dei più famosi pasticceri al mondo. Ma l’azienda ha saputo creare una rete di partnership strategiche anche con gli agricoltori a cui viene riconosciuto un valore economico maggiore per tutte quelle cultivar di grani che altrimenti risulterebbero poco remunerative, ma estremamente performanti per il Molino Dallagiovanna.

La sesta generazione di Molino Dallagiovanna porta avanti il progetto di sviluppo con la stessa passione tramandata da padre in figlio e con un occhio attento alle nuove tendenze. Un progetto importante di diffusione della cultura legata al Molino è Meet Massari, un evento divulgativo che coinvolge le principali piazze italiane in una giornata intensiva guidata dal nr 1 della pasticceria Iginio Massari che delizia la platea con master class e degustazioni di altissimo livello.

In quasi duecento anni, il Molino Dallagiovanna si è evoluto ed è cresciuto fino a diventare una delle realtà più produttive e illuminate del settore molitorio, in grado di esportare all’estero i valori e l’eccellenza alimentare italiana e di testimoniarne appieno la qualità e l’innovazione.

Vi aspettiamo!

Potrebbe interessarti

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Legge 104: chi può richiederla e come fare domanda

  • Cuocere i cibi in lavastoviglie: non solo moda, ma ecologia e convenienza

  • Guida ai detersivi alla spina: perché comprarli e dove

I più letti della settimana

  • Schianto fra Tir in A21, gravissimo un uomo. Autostrada chiusa e 12 chilometri di coda

  • 'Ndrangheta: arrestato il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Caruso

  • Pestate in casa da cinque rapinatori incappucciati, due donne all'ospedale

  • Caruso alla cena della 'ndrangheta: «Ogni uomo ha un prezzo»

  • Trovato alla guida ubriaco fradicio alle 10 di mattina, denunciato 

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro il guard-rail, 24enne all'ospedale

Torna su
IlPiacenza è in caricamento