Piacenza Birra Expo, ci sarà anche la birra "solidale" Arka

Sfilerà al Salone Nazionale della Birra Artigianale, in programma a Piacenza Expo dall'8 all'11 maggio, la birra Arka, primo esempio in Italia di birra a "vocazione solidale"

E' nata pochi giorni fa presso il BSA (Birrificio Sant’Andrea) di Vercelli ARKA, primo esempio in Italia di birra a “vocazione solidale”, il cui ricavato andrà interamente agli agricoltori alluvionati della provincia di Modena.

Speziata – dominano l’alloro, i fiori di sambuco e il tarassaco - affatto complessa, beverina, non filtrata, non pastorizzata e a contenuta gradazione alcolica (Vol 5.5%), ARKA è un “viaggio” sicuro verso un profumo e un gusto unico, come assicura anche l’ideatore della ricetta Alessio Selvaggio, produttore del novarese. Dopo il consueto ciclo di fermentazione e un periodo complessivo di circa 45 giorni, il prodotto verrà confezionato nella speciale bottiglia da 33 cl fornita dal Gruppo Saida di Longiano e infine messa in vendita al Birra Expo - Salone Nazionale della Birra Artigianale, in programma a Piacenza Expo dall’8 all’11 maggio.

Sui banchi di una delle kermesse tra i più importanti per il comparto brassicolo sfilerà quindi ARKA, birra esclusiva anche nell’etichetta che, grazie ai creativi di Vittorio Ferraris, titolare del Birrificio Sant’Andrea, diventa quasi “opera d’arte”. L’onda che schiumeggia sotto l’arca salvifica - insieme creano il calice del sacro graal contenuto nell'Arca dell'Alleanza…di Indiana Jones – reinterpreta una celebre xilografia ottocentesca del pittore giapponese Hokusai dal titolo "La grande onda Kanagawa". Quella che è già stata ribattezzata “la Birra dell’Unione”, si trasforma quindi in un messaggio sociale e artistico che vuole il settore birrario artigianale italiano, in particolare quello riunito sotto la bandiera di Unionbirrai, un mondo capace di movimentare la piccola imprenditoria nazionale e di sottolineare al contempo l’eccellenza del prodotto made in Italy.

“Colpirà, siamo sicuri che colpirà nel segno”, è tanta la soddisfazione di Simone Monetti, Direttore Generale di UB, nella città piemontese fin dalle prime ore dell’alba per presiedere alle lunghe tappe di lavorazione della bionda. “Partiamo con 3000 bottiglie, ma l’obiettivo è che gli italiani rispondano sempre più numerosi all’appello così come hanno fatto i nostri associati. Solo allora potremo dire di aver raggiunto lo scopo sociale che ci siamo prefissati”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Treno di pendolari colpito dal carrello di un treno merci, quattro feriti

  • Muore due giorni dopo l'incidente in scooter, tre paesi in lutto per "Bicio"

  • Gazzella dei carabinieri travolta da un'auto durante un controllo

  • A 17 anni scappa dalla polizia e si schianta contro il guard rail

  • Trova tre ladri in casa di notte, fa a botte e ne blocca uno. Arrestato un 31enne clandestino

  • Spunta un quadro nel giardino della Ricci Oddi, è identico al Klimt

Torna su
IlPiacenza è in caricamento