Il tema del disagio psichico in un cineforum al centro aggregativo Spazio 4

Seconda edizione a Spazio 4 del cineforum dedicato alle tematiche del disagio psichico. La referente del centro, Daria Castignola, presenta i film in programma. Collabora all'iniziativa anche l'associazione Aperta-mente

dariaNuova iniziativa a Spazio 4, il Centro Aggregativo Polifunzionale di via Manzoni 21, che sempre di più rappresenta una vera e propria fucina di idee e iniziative, capaci di coinvolgere un pubblico variegato, composto da tanti giovani e giovanissimi ma anche da molti "over", dato l'interesse dei temi trattati.

UN TEAM AFFIDABILE E PROPOSITIVO - In un mix di spettacolo e cultura, di musica e di dibattiti, le proposte del team di Spazio 4 fanno sì che il centro "rappresenti un luogo ormai universalmente riconosciuto nel territorio come polo di attrazione per la realtà giovanile, un luogo aperto a tutti, un modello da seguire e proporre anche per lo sviluppo di altri centri dello stesso tipo". Questo il senso delle dichiarazioni dell'assessore al Futuro Giovanni Castagnetti, che ha aperto oggi, martedì 7 giugno, una conferenza-stampa di presentazione di un nuovo progetto firmato dallo staff di Spazio 4, illustrato successivamente dalla referente del Centro, Daria Castignola.

CINEFORUM SUL DISAGIO MENTALE - Si tratta di "Stigmami", seconda edizione di un ciclo di cineforum avente come filo conduttore il tema del "disagio psichico", affrontato attraverso la proiezione di tre film particolarmente significativi, programmati per tre giovedì successivi del mese di giugno, a partire da giovedì 9. Il cineforum è realizzato in collaborazione con l'associazione Aperta-Mente, con lo scopo di condividere esperienze e parlare apertamente di salute mentale, troppo spesso considerato un argomento "tabù". Presente alla conferenza-stampa anche la referente dell'associazione, sig.ra Enrica Devoti, che ne ha brevemente illustrato le finalità e il tipo di interventi. Aperta-Mente è una associazione e un gruppo di auto-mutuo aiuto rivolto a familiari, utenti, operatori, volontari e alla cittadinanza intera, che promuove ed organizza iniziative culturali e di sensibilizzazione intorno ai temi della salute mentale (contatti: enricadevoti@libero.it , 333.8908121).

I FILM IN PROGRAMMA - Un esperto facente parte dell'associazione Aperta-mente sarà presente a Spazio 4 nelle date indicate e presenterà le tematiche del film di volta in volta in programma.

Giovedì 9 giugno – ore 21.30
“La pecora nera” di Ascanio Celestini. Italia 2010
Il manicomio è un condominio di santi. Così ci racconta Nicola dei suoi trentacinque anni di istituto e nella sua testa realtà e fantasia si scontrano producendo imprevedibili illuminazioni. Un viaggio lirico di chi ha visto confluire il proprio disagio in un istituto. Un film di denuncia etica sulla condizione dell'internato.

Giovedì 16 giugno – ore 21.30
“Lars e una ragazza tutta sua” di Craig Gillespie
. USA 2007
Lars, estremamente introverso, difficilmente concede alle persone di “entrare” a far parte del suo piccolo mondo, ma un giorno sembra aver finalmente trovato un'amica speciale da presentare a parenti e all’intera cittadina del Midwest dove vive.Tutto normale, se non fosse per il fatto che la ragazza è una bambola. Agrodolce e delicato, un film emozionante e non convenzionale.

Giovedì 23 giugno – ore 21.30
“Qualcosa è cambiato” di James L. Brooks
. USA 1997
Melvin Udall (Jack Nicholson) è uno scrittore di romanzi rosa che nasconde un carattere terribile e una serie infinita di disturbi ossessivo-compulsivi
Le circostanze della vita e l’incontro con persone speciali lo obbligano ad una metamorfosi.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Ma quale gigante buono? Quale raptus? Basta superficialità sui femminicidi»

  • La sorella di Elisa scrive a Massimo Sebastiani: «Piangi? Ormai sei il mio incubo»

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • Massimo scrive di una busta misteriosa: un affare li avrebbe potuti dividere e lui l'ha uccisa?

  • «Salvini con il rosario in mano? A Cortemaggiore si è anche inginocchiato in chiesa, magari facessero tutti così»

  • «Lavoratrice instancabile e solare». Filoteea muore a 22 anni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento