menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsius epifaniacarnevalesan-valentinofesta-donnafesta-papapasqua1-maggiofesta-mammaferragostohalloweennatalecapodannochildrenlocation-maps

"Dal Mississipi al Po": si apre il sipario sul festival musicale-letterario

Questa mattina la presentazione in Provincia. L'ottava edizione della rassegna andrà in scena il 28-29-30 giugno e il 1 luglio 2012

Un momento della presentazione

Un festival “aperto”, in cui il pubblico può incontrare da vicino gli artisti e assaporare in modo intimo e semplice gli eventi musicali e letterari. E' questa la filosofia di “dal Mississipi al Po”, il festival musicale e letterario organizzato dalla cooperativa sociale Fedro, che giunge quest'anno alla sua ottava edizione, in programma il 28-29-30 giugno e il 1 luglio.

La rassegna è stata presentata ufficialmente questa mattina in Provincia alla presenza dell'assessore provinciale alla Cultura Maurizio Parma, che ha sottolineato “l'altissimo livello degli artisti che faranno tappa a Piacenza”, e dell'assessore alla Cultura del Comune di Piacenza Tiziana Albasi, che ha puntato l'attenzione “sull'importante messaggio culturale lanciato dalla città di Piacenza grazie a rassegne come 'dal Mississipi al Po'”.

A presentare il programma sono stati il presidente della cooperativa Fedro e direttore artistico musicale del Festival, Davide Rossi, e il direttore artistico letterario Seba Pezzani. “Nonostante la crisi – ha spiegato Rossi – la cooperativa ha deciso di scommettere sul Festival, nella speranza che il prossimo anno l'iniziativa possa essere mantenuta. Un ringraziamento va a tutti gli enti, tra cui Provincia, Regione e Comune di Piacenza, che hanno consentito la realizzazione del festival.

Gli incontri letterari si terranno sul Pubblico Passeggio (all'incrocio con Corso Vittorio Emanuele), i live serali nell'area esterna del palazzetto dello sport (via IV novembre) e i “Fuori Programma” a palazzo Farnese, al caffè letterario Baciccia e al circolo canottieri Nino Bixio”. “La città di Piacenza – ha continuato Pezzani – ha potenzialità poco conosciute che il Festival cerca di valorizzare. La promozione della cultura, sono convinto, può essere la strada da seguire per uscire dalla crisi e recuperare entusiasmo”.

A fare da cornice agli incontri letterari, sarà allestita la mostra itinerante dedicata a Woody Guthrie nel centenario dalla nascita This Land is Your Land, visitabile gratuitamente sul Pubblico Passeggio per i quattro gironi del festival. Dal 20 giugno all'8 luglio, inoltre, a palazzo Farnese rimarrà esposta “Tra la via Emilia e il West”, la personale di Paolo Simonazzi. Nell'Area Live sarà presente il Mercatino della Solidarietà Piacentina, a cui parteciperanno le associazioni di volontariato della città e a partire dalle 19.30 sarà possibile accedere agli stand gastronomici che si propongono come punto d'incontro culinario tra specialità della cucina piacentina ed americana.

Potrebbe interessarti


    Commenti

      Più letti della settimana

      Torna su