Dalla fotografia su pellicola a quella con il telefonino, ne parla Roberto Rognoni al Cineclub di Fiorenzuola

Sopra e sotto alcuni scatti di Roberto Rognoni

Venerdì 8 novembre 2019 alle ore 21 presso la sede Club Cinematografico Fiorenzuola (piazza Caduti 1) si tiene la serata ad ingresso libero “Dalla fotografia analogica alla "phone photography";  proiezione di una serie di audiovisivi, che consentiranno l'approfondimento di vari temi fotografici (la fotografia di scena a teatro, di viaggio, sociale, con il cellulare). Conduce la proiezione dibattito Roberto Rognoni, insignito delle onorificenze Benemerito della Fotografia Italiana e Artista Fotografo Italiano (1987) e Benemerito della Fotografia Italiana nel campo degli Audiovisivi (2017), autore costantemente impegnato a diffondere la cultura fotografica sul territori.

Roberto Rognoni è nato a Cittiglio (VA) nel 1943 e vive e lavora a San Donato Milanese. Inizia a fotografare nel 1965 individuando, per la sua ricerca, temi ben precisi e circoscritti: le fotografie di teatro, di viaggio, i reportage a carattere documentaristico e sociale e gli audiovisivi fotografici. Nel 1999 ha promosso la costituzione dell’Archivio Fotografico Storico della Città di San Donato Milanese e dall’anno 2000 ne è il curatore. Collabora con le riviste “Fotoit” e “Riflessioni” della Federazione Italiana Associazioni Fotografiche (FIAF). E’ docente FIAF e DiAF e dal 2014 far parte del Dipartimento Audiovisivi FIAF, con l’incarico di Capo-Redattore del Notiziario online DiAF. E’ stato il fotografo di scena ufficiale della Compagnia Teatrale “Quelli di Grock” di Milano dal 1994 al 2017 e del “Festival Danae” di Milano dal 2001 al 2006 e ha collaborato con importanti compagnie italiane e straniere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, l'Inps sospende i servizi e le visite

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

  • «Il virus circolava a Piacenza da tempo ma in tanti lo hanno superato senza accorgersene»

  • «Due nuovi casi positivi all'ospedale di Piacenza: contagiati dal focolaio lombardo»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento