Galleria Alberoni, mostra-evento Dis-chiusure

Una mostra evento inaugurerà alla Galleria Alberoni venerdì 22 marzo 2019 alle ore 18, per accompagnare la vita culturale della città di Piacenza fino al giorno 9 maggio, con un programma ricchissimo di incontri con importanti testimoni del nostro tempo, concerti, convegni, conversazioni.

Si tratta della mostra Dis-chiusure. Il violino con il filo spinato di Jannis Kounellis. Un capolavoro dell’arte contemporanea alla Galleria Alberoni.

Come rivela il titolo l’evento mette al centro l’esposizione del violino con filo spinato, capolavoro del grande artista di origine greca Jannis Kounellis, massimo esponente e padre della corrente dell’Arte Povera.

L’artista, scomparso nel febbraio 2017, in questa sua ultima opera abbina il filo spinato a uno strumento musicale, rappresentando così potentemente la condizione della persona detenuta e tutta la possibilità e l’impossibilità dell’uomo.

Se nell’intreccio solido e teso di corde spinate percepiamo infatti la più drastica chiusura, la cassa armonica - il grembo del violino - testimonia la possibilità di un nuovo inizio, una ri-generazione al cui cominciamento sta sempre un suono, come il primo vagito di un bimbo che nasce.

Realizzato a partire da un violino costruito nel laboratorio di liuteria della cooperativa Casa dello Spirito e delle Arti, nel carcere di Opera, il capolavoro di Jannis Kounellis si fa espressione della possibilità insita nella diade aperto-chiuso, con la quale si confronta ogni uomo e che costituirà il filo conduttore dell’itinerario di mostra e dei numerosissimi incontri ed eventi collaterali.

Al violino con il filo spinato sono affiancate due ulteriori sezioni di mostra che permetteranno di entrare nella cifra espressiva del grande artista e nella forza simbolica dell’opera esposta. La Sala Mazzolini è dedicata alla proiezione del documentario realizzato da Ermanno Olmi, intitolato Atto unico, nel quale l’occhio poetico del regista svela il concepimento e il prendere forma della poesia espressiva di Jannis Kounellis.

La sezione è completata dall’esposizione di dieci suggestivi scatti originali del fotografo Carlo Orsi che ha documentato il farsi di “quel grande organismo plastico” che è stata l’installazione Atto unico realizzata da Jannis Kounellis, nel 2006, alla Fondazione Pomodoro.

Le fotografie esposte in mostra costituiscono il contenuto di un prezioso cofanetto, realizzato dalla Fondazione Arnaldo Pomodoro in soli 30 esemplari numerati e firmati. Nel 2006 la Fondazione Arnaldo Pomodoro, all’inizio del suo secondo anno di attività, invita Jannis Kounellis ad allestire nel proprio spazio espositivo di via Solari 35 a Milano, la grande mostra intitolata “Atto Unico”, curata da Bruno Corà. Per quasi un mese, dal 28 agosto al 23 settembre 2006 il regista Ermanno Olmi e il fotografo Carlo Orsi seguono Jannis Kounellis al lavoro durante l’installazione della sua opera.

Nella Sala Scribani Rossi è allestita la web serie, prodotta dal Corriere della Sera, per la regia di Marco Bechis, intitolata Il rumore della memoria, che narra il viaggio di Vera Vigevani nella ricostruzione della sua biografia familiare segnata dal filo spinato: il nonno morì ad Auschwitz, la figlia morì desaparecida in Argentina. Ne sono autori, insieme al regista Marco Bechis, Caterina Giargia, Antonio Ferrari e Alessia Rastelli.

La web serie, allestita in mostra in forma di viaggio, è stata concessa per questa mostra da Corriere della Sera e Corrieretv. I due racconti video e la selezione di fotografie permetteranno al pubblico, dopo la visione del violino, di attraversare per immagini, la vitale apertura della creazione artistica e la drastica chiusura della vita oppressa, le due dimensioni che il capolavoro di Jannis Kounellis evoca e unisce insieme.

La quarta sezione di mostra è costituita da una straordinaria testimonianza storica che dialogherà a distanza con il violino con il filo spinato di Jannis Kounellis. Una grande vetrina espone sei strumenti musicali. Si tratta di tre violini, un mandolino, una tambura bulgara, una chitarrina, tutti costruiti a Terezín dalla famiglia Žalud.

Con l’arrivo dei nazisti in Boemia, la cittadina fortificata di Terezín (Theresienstadt in tedesco, a sessanta chilometri da Praga) fu trasformata nel 1941 in ghetto ebraico e lager di transito, per poi divenire centro di un grande esperimento di propaganda.

Gli internati ebrei furono costretti a mostrarsi sani e nutriti. Nella menzogna nazista, gli internati nel tempo libero suonavano, dipingevano, leggevano libri… Gli strumenti musicali Žalud vennero confiscati alla famiglia e consegnati agli ebrei internati perché li potessero suonare. I pezzi assai rari esposti in mostra fanno parte della collezione dello scrittore ed ebraista Matteo Corradini, che ne cura la presentazione.

INAUGURAZIONE

L’inaugurazione si terrà nella Sala degli Arazzi della Galleria Alberoni, venerdì 22 marzo 2019 alle ore 18. Insieme al saluto delle Autorità e dei rappresentanti degli Enti promotori sono previsti gli interventi di Padre Erminio Antonello Superiore del Collegio Alberoni, Giorgio Braghieri, Presidente dell’Opera Pia Alberoni, Mons. Gianni Ambrosio, Vescovo della Diocesi di Piacenza-Bobbio. Interverranno inoltre: Arnoldo Mosca Mondadori, poeta e scrittore, fondatore della Casa dello Spirito e delle Arti, proprietaria del capolavoro di Jannis Kounellis esposto in mostra; Matteo Corradini, scrittore ed ebraista che cura la selezione di strumenti originali provenienti dal ghetto di Terezín, esposti in mostra e facenti parte della sua collezione.

L’inaugurazione della mostra evento Dis-chiusure si avvale della preziosa collaborazione del Conservatorio Giuseppe Nicolini di Piacenza che interviene all’inaugurazione con il suono di quattro violini, al cospetto del violino con il filo spinato di Kounellis.

Emma Rocco e Natalia Ritorto giovani studentesse in violino del Prof. De Lorenzi presso il Conservatorio Nicolini e alunne della Scuola Media Nicolini Irene Barbieri, neodiplomata al Conservatorio Nicolini con il prof. De Lorenzi, in fase di conclusione del Biennio Accademico, già attiva nell’Orchestra Cherubini Antonio De Lorenzi, violino solista e professore presso il Conservatorio Nicolini di Piacenza.

Saranno accompagnati dalla pianista Volha Karmyzava, diplomata in pianoforte e attualmente frequentante il biennio Accademico presso il Conservatorio Nicolini.

INAUGURAZIONE VENERDI' 22 MARZO alle ore 18 della mostra evento Dis-chiusure. Il dischiusure-2

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Usi e abusi di Palazzo Farnese”, mostra fotografica con le immagini dell’Archivio Croce

    • Gratis
    • dal 9 al 31 marzo 2019
    • Biblioteca Passerini Landi
  • Museo di Storia Naturale, "Revontulet - Fuochi della volpe"

    • Gratis
    • dal 2 marzo al 7 aprile 2019
    • Museo di Storia Naturale
  • Palazzo Gotico, “Gesti e parole. Jorge Mario Bergoglio, una presenza originale”

    • Gratis
    • dal 13 al 31 marzo 2019
    • Palazzo Gotico

I più visti

  • Palazzo Farnese, mostra-evento "Annibale. Un Mito Mediterraneo"

    • dal 16 dicembre 2018 al 17 marzo 2019
    • Palazzo Farnese
  • Santa Maria in Cortina, "Il pozzo di Sant'Antonino. Un segreto sotterraneo"

    • dal 22 dicembre 2018 al 5 maggio 2019
    • Chiesa di Santa Maria in Cortina
  • Grazzano Visconti, Festa di San Patrizio

    • dal 16 al 17 marzo 2019
    • Borgo di Grazzano Visconti
  • Piacenza Jazz Fest 2019, il programma dei concerti

    • dal 24 febbraio al 7 aprile 2019
    • varie location, come da programma
Torna su
IlPiacenza è in caricamento