Cortemaggiore, "Elena di Sparta" al Teatro Duse

TEATRO DUSE - CORTEMAGGIORE
Elena di Sparta - Teatro Blu

16 novembre ore 21.00 - 17 novembre ore 22

Nello spledido Teatro Duse di Cortemaggiore, in scena Silvia Priori e il Teatro Blu per raccontare la storia di Elena di Sparta.

SPETTACOLO GRATUITO

Chi di voi non conosce la vicenda narrata nell’Iliade? Chi di voi non è rimasto, anche per pochi attimi, affascinato dalla descrizione di una delle donne più desiderate dell’antichità? Degrado, abbandono, senso di vuoto e caducità caratterizzano l’aspetto e l’animo della vecchia Elena, che vede scorrere lentamente davanti a sé il ricordo di ricchezze, glorie, invidie e bellezza. Bellezza, soprattutto. Com’è difficile andare incontro alla vecchiaia per colei che era cosi bella, intatta, provata. Cosa resta a questa Elena? Quale gioia, quale amore, quale amante, quale libertà? Un nome echeggia dal fondo dell’antichità, da un’epoca di sanguinosi duelli fra eroi: la bella e sensuale Elena si è lasciata sedurre dal giovane Paride e ha scatenato l’ira del re di Sparta Menelao, suo marito. Menelao, grazie all'aiuto del fratello Agamennone radunò un incredibile esercito, formato dai maggiori comandanti dei regni greci e dai loro sudditi, muovendo cosi guerra contro Troia.
Il conflitto durò all'incirca dieci anni, con gravi perdite da ambo i lati. Fra le vittime più celebri l'invincibile Achille, principe di Ftia, ed Ettore, figlio del re Priamo e campione della resistenza troiana. La città venne infine conquistata e distrutta. Durante il racconto però un’altra Elena si palesa ai nostri occhi è che un vero e proprio ribaltamento dell’immagine di Elena consolidatasi nella tradizione letteraria greca. Che ne è stato della bellezza di un tempo? «Grosse verruche mi sono spuntate sul viso. Grossi peli / intorno alla bocca – li tocco; non mi guardo allo specchio – / peli ispidi, lunghi, – come se qualcun altro si fosse installato / dentro di me, / un uomo
sfrontato, malevolo, la cui barba / spunta dalla mia pelle»: questo il ritratto duro che la stessa Elena offre di sé al visitatore sconosciuto (chi sarà l’uomo che, lungi dal lasciarla abbandonata a se stessa, torna a farle visita, un’ultima volta?) in compagnia del quale rievoca tempi e uomini ormai lontani. «Non viene più nessuno a
trovarmi. Mi sto per scordare le parole...», dice la donna, che ora vive in un’abitazione fatiscente, impregnata di polvere, frutta marcia e ombre.
 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Palazzo Farnese, "Bergonzoni a 360 gradi"

    • solo oggi
    • 7 luglio 2020
    • Cortile di Palazzo Farnese
  • Palazzo Farnese, "Piccolo Asmodeo"

    • Gratis
    • 9 luglio 2020
    • Palazzo Farnese
  • Palazzo Farnese, "Ma tu sei felice?"

    • 14 luglio 2020
    • Palazzo Farnese

I più visti

  • Arena Daturi, "Cinema sotto le stelle" 2020

    • dal 1 luglio al 4 settembre 2020
    • Arena Daturi
  • #iomiallenoacasa con Agnese

    • Gratis
    • dal 29 marzo al 31 luglio 2020
    • https://www.youtube.com/channel/UCv6hS1gY1EEtLJCGzoO8zGg
  • Musei di Palazzo Farnese, visite guidate ogni venerdì sera

    • dal 12 giugno al 31 luglio 2020
    • Palazzo Farnese
  • Palazzo Farnese, "Bergonzoni a 360 gradi"

    • solo oggi
    • 7 luglio 2020
    • Cortile di Palazzo Farnese
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    IlPiacenza è in caricamento