Sul podio del “Bettinardi” d’accordo pubblico e critica per i #RedingProject

Al Milestone sabato 8 febbraio la finale dei Gruppi ha decretato i due vincitori del 2020. Trionfano i #RedingProject ma unanimi consensi anche per i secondi classificati Lost in the Supermarket

 Alla finale Gruppi del Concorso Bettinardi tenutasi sabato 8 febbraio al Milestone di Piacenza, i vincitori di questa edizione hanno messo d’accordo proprio tutti, pubblico e critica. Loro sono i siciliani #RedingProject che hanno dimostrato di avere i numeri grazie a un’esibizione convincente e coinvolgente.

Il sestetto, che vede alla voce Roberta Sava, alla tromba Filippo Schifano, al sax tenore Fabiano Petrullo, al pianoforte Francesco Leo, al basso Stefano India e alla batteria Federico Gucciardo, si è esibito negli standard perfettamente arrangiati “Softly, as in a morning sunrise” e ‘All of Me” e all’originale e mediterraneo brano di loro composizione ‘E’ sempre un jogo”.

Alle loro spalle sono stati premiati i Lost in the Supermarket, caratterizzati dalla voce suadente di Anais Del Sordo, accompagnata da Giovanni Ghizzani al pianoforte, Kim Baiunco al contrabbasso e Giuseppe Sardina alla batteria. Originari da tutta Italia e residenti a Bologna, i Lost in the Supermarket hanno suonato due brani composti a quattro mani dalla cantante e dal pianista dal titolo “Claps of Thunder” e “Hope”, e come standard la trascinante “Mark Time” del trombettista Kenny Wheeler.

Ai primi classificati è andato un premio di 1.600 euro e un ingaggio per il prossimo Piacenza Jazz Fest oltre alla targa del pubblico in sala, mentre ai secondi un premio di 800 euro.

Sul palco del Milestone anche i raffinati Perceive da Torino (quintetto composto da Giulia D’Amico alla voce, Edoardo Casu al flauto, Lorenzo Blardone al pianoforte, Carlo Bavetta al basso e Andrea Bruzzone alla batteria), l’originale Pasquale Mandia Trio da Salerno (Biagio Russo al pianoforte, Gabriele Pagliano al contrabbasso e Pasquale Mandia alle percussioni) e gli accademici Tarsius da Vicenza (Riccardo Pettinà al pianoforte, Lorenzo De Luca al sax tenore, Matteo Padoin al contrabbasso e Giacomo Albertelli alla batteria).

Il Concorso nazionale abbinato al Piacenza Jazz Fest, alla sua diciassettesima edizione, è  organizzato dall'Associazione culturale Piacenza Jazz Club, con il sostegno determinante della Fondazione di Piacenza e Vigevano e con il supporto di Yamaha Music Europe GmbH - Branch Italy.

I gruppi in lizza ammessi alla finale erano cinque e a valutarli c’era un gruppo di giurati guidati dal saxofonista Tino Tracanna, ovvero il maestro piacentino Giuseppe Parmigiani, il critico musicale Aldo Gianolio, il presidente del Piacenza Jazz Club e saxofonista Gianni Azzali e i giornalisti Pietro Corvi, Oliviero Marchesi e Paolo Menzani.

L'organizzazione si complimenta con tutti i finalisti per l'alto livello di preparazione e di performance, che hanno consentito anche quest’anno di ascoltare ottimi progetti e musicisti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La prossima finale sarà quella della sezione Cantanti e si terrà sempre al Milestone sabato 15 febbraio alle ore 21.30.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • «Un anziano ammalato di Covid in gennaio a Piacenza potrebbe essere il paziente 1». Inchiesta di Report in una clinica piacentina

  • Piacenza, tutte le attività commerciali che sono aperte e fanno consegna a domicilio

  • Coronavirus, la situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 31 marzo

  • Coronavirus, l'aggiornamento del 27 marzo sui comuni del Piacentino

  • Covid-19, Piacenza piange altre 26 vittime, il totale sale a 495

Torna su
IlPiacenza è in caricamento