Scott Valdarda Bike con gli assi della MTB

Le colline piacentine scaldano le ruote per gli Internazionali 2013. Domenica 2 giugno sfida Fontana – Loo e Lechner – Zakelj

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

Mentre gli appassionati di mountain bike e quelli di cross country in particolare sono in fervente attesa per la prima prova di Coppa del Mondo del prossimo week-end in Germania, gli sterrati italiani si stanno infiammando con le gare degli Internazionali d’Italia MTB Series che stanno girando il paese e ora puntano con decisione verso Lugagnano, in provincia di Piacenza, dove domenica 2 giugno andrà in scena la quinta e penultima prova della serie.

L’olimpionico Marco Aurelio Fontana, campione italiano proprio a Lugagnano lo scorso anno, senza dubbio non si accontenterà di salire su un gradino qualsiasi del podio nella gara di casa. Dovrà tuttavia vedersela con una concorrenza di alta caratura, a cominciare da quel Martin Loo che in classifica generale precede il piacentino di sole due lunghezze in seconda posizione provvisoria. Le iscrizioni alla gara del 2 giugno sono in continuo afflusso, e lo spagnolo Miguel Martinez è tra gli invitati VIP, visto che è attualmente in testa al tabellone élite, anche se sente il fiato sul collo degli inseguitori.

Nell’ultima prova disputata a Gorizia lo scorso week-end i gemelli friulani Luca e Daniele Braidot hanno fatto sentire la propria voce più di tutti, mettendo in fila proprio Fontana e Loo, tra gli altri, e guadagnando la testa della parziale Under23 degli Internazionali. A Lugagnano ci sarà da aspettarsi un vero spettacolo e non solo tra i maschi, perché Eva Lechner, anche lei tricolore 2012, non era in gara a Gorizia e Tanja Zakelj ha potuto così raggiungerla in vetta alla provvisoria. I single track piacentini saranno arbitro severo anche in questo caso. Tra gli atleti già confermati in griglia ci sono anche Fabian Rabensteiner, David Van Orsdel, Anton Sinitsov, Julia Innerhofer e Lisa Rabensteiner.

Per quanto riguarda il tracciato di gara - l’anello di 4,4 km al 90% in sterrato e da compiere più volte a seconda delle categorie - legge passaggi già noti a chi c’era nel 2012, come la temuta sequenza di grossi massi denominata “Sassaia” o il veloce passaggio sui tronchi (Legnaia). È stato quest’anno ripristinato l’intero tratto della pineta (come l’ultima edizione degli Internazionali d’Italia nel 2011) e sono in rifinitura nuovi frammenti come la “Via delle Orchidee” o la “Querciola”.

Il programma ufficiale di domenica 2 giugno legge al mattino (dalle 9.30) le prove Master seguite da Junior e femminile open (5 giri complessivi per un totale di 21,5 km). Le categorie Junior e Master donne compiranno invece 4 tornate. Alle 14.30 salteranno in sella gli uomini open e la gara si compone di 7 giri complessivi (31,5 km). L’evento è aperto a tutti i tesserati master con altri enti della consulta, oltre FCI.

Nella giornata di sabato, la Scott Valdarda Bike sarà al via con il Campionato Italiano Team Relay – Staffetta a squadre (cat. agonisti, master e giovanile società) e anche qui se ne potranno vedere delle belle. Alle gare di sabato sono ammessi solo tesserati FCI.

Info: www.lugagnanooffroad.it

Torna su
IlPiacenza è in caricamento