Iniziano il 10 giugno i Venerdì Piacentini, quest'anno si chiameranno "Shopping nights"

Ormai prossima al varo la rassegna estiva dei "Venerdì piacentini", da quest'anno anche "Shopping nights". L'assessore al Commercio Katia Tarasconi chiede suggerimenti e collaborazione dei titolari di bar, pub, caffetterie, ristoranti per avviare iniziative congiunte

ilario"Solo collaborando tutti insieme, commercianti, ristoratori, titolari di esercizi pubblici in generale, e naturalmente amministratori comunali, è possibile rivitalizzare il centro storico e dare nuova linfa all'economia piacentina". Questa in sintesi la posizione dell'assessore al Commercio Katia Tarasconi, che ha invitato baristi e ristoratori a riunirsi oggi,1° giugno, nella suggestiva cornice dello storico Auditorium di Sant'Ilario (foto),  per procedere ad un incontro organizzativo, allo scopo di vagliare insieme attività e proposte da inserire nel programma dei "Venerdì Piacentini", che nell’edizione 2011 prenderanno il nome di “Shopping Nights”. Presenti all'incontro anche il Presidente Provinciale della Federazione Italiana Pubblici Esercizi, Cristian Lertora, e un rappresentante dell'agenzia organizzatrice dell'evento, la Black Lemon.


AL VIA IL 10 GIUGNO, PER SEI VENERDI' - I "Venerdì piacentini" prenderanno il via il giorno 10 giugno con una prima serata di "presentazione" che vedrà gli eventi concentrati in modo particolare in alcuni punti del centro storico e la facoltà per i commercianti di tenere o meno aperti i negozi, mentre i cinque venerdì successivi saranno vere e proprie Shopping nights, con tanti eventi dislocati all'interno di tutto il centro storico e possibilità di fare acquisti.

PERFORMANCES DI GIOVANI ARTISTI - Il progetto dell'edizione 2011 vuole valorizzare la creatività giovanile e dare spazio a performances artistiche e musicali originali, con preferenza per la musica acustica e spettacoli itineranti. L'assessore Tarasconi invita titolari di bar, pub, ristoranti, a collaborare attuando a loro volta iniziative che rappresentino un polo d'attrazione per i cittadini. "E' importante coinvolgere anche un pubblico non strettamente piacentino - ha dichiarato l'assessore Tarasconi - ad esempio gli abitanti del Basso Lodigiano, in modo da favorire il più possibile l'afflusso verso i negozi e i locali".

PAROLA D'ORDINE: "TOLLERANZA" - Durante l'incontro è stato sollevato anche  il problema dell'impatto ambientale dei "Venerdì piacentini" per quanto riguarda la rumorosità dei vari eventi, soprattutto di tipo musicale, mal tollerata da alcuni residenti nel centro storico. Da parte loro, i titolari dei bar, caffetterie, ecc.. hanno assicurato un serio impegno personale affinchè siano sempre rispettati al riguardo i termini di legge, tuttavia appare indispensabile anche una maggiore tolleranza da parte della popolazione. A questo proposito, il Presidente della FIPE ha proposto di organizzare un incontro con rappresentanti delle Forze dell'Ordine allo scopo di stabilire con precisione "diritti e doveri" dei pubblici esercizi, stilando eventualmente un piccolo vademecum.
Interessante anche la proposta formulata da una commerciante: "Perchè in occasione dei Venerdì piacentini non concedere uno sconto sul prezzo  agli acquirenti residenti nelle zone del centro? Sarebbe una piccola "compensazione" dell'eventuale disagio provocato dalla manifestazione!".




 

Potrebbe interessarti

  • Prurito dopo la doccia: allergie e possibili motivazioni

  • Perché smettere di stirare? Vantaggi e consigli

  • Come tenere lontano i parassiti dagli animali domestici

  • Smartphone, occhio al virus FinSpy

I più letti della settimana

  • Cade da una scala, muore operaio

  • Grave dopo la caduta dal secondo piano

  • Rissa tra due famiglie poi spunta un coltello: ferito un uomo

  • Scontro in curva tra una moto e un furgone: feriti due giovani

  • Tre chili e mezzo di cocaina purissima nell'armadio: «Ecco la droga per la movida piacentina»

  • Travolto da un'auto sulla Castellana, gravissimo un ciclista

Torna su
IlPiacenza è in caricamento