Scuole di recitazione: come scegliere i migliori corsi

Vuoi sfondare nel mondo della recitazione? Ecco allora alcuni utili consigli su come scegliere i migliori corsi di recitazione disponibili sul mercato

Vuoi diventare un attore? Allora è consigliabile seguire i corsi di una scuola di recitazione dove imparerai a conoscere tutte le tecniche necessarie per entrare nel mondo dello spettacolo e del cinema.

I corsi di recitazioni possono, inoltre, rivelarsi utili anche a chi vuole migliorare le proprie capacità di parlare in pubblico. Imparare a recitare è un ottimo investimento per privati o professionisti che desiderano apprendere tecniche di memorizzazione di discorsi o presentazioni e parlare in modo chiaro e comprensibile di fronte ad una platea.

In fase di scelta del corso è importante analizzare alcune caratteristiche fondamentali delle scuole di recitazione.

Partiamo dal programma; sono consigliabili scuole con corsi dai 2 ai 4 anni per chi è alle prime armi. In alternativa sono disponibili anche corsi annuali che però si concentrano su un singolo argomento, ad esempio la Commedia dell’Arte, il metodo Stanislavski, ecc.

Inoltre è importante controllare che nel programma sia presente lo studio della dizione. Un buon corso di dizione dovrebbe durare almeno 6 mesi.

Passiamo poi agli insegnanti, una scuola che si rispetti dovrebbe avere un sito Internet con all’interno i curricula dei suoi insegnanti. In particolare è necessario prestare attenzione agli studi fatti, ai corsi di perfezionamento e alle esperienze professionali.

Infine non dimentichiamo la sede della scuola. E’ consigliabile fare un sopralluogo prima dell’iscrizione al corso, verificando la qualità e l’ampiezza delle aule e la presenza di un eventuale palco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dallo styling al marketing, Tutor inaugura il primo corso piacentino per acconciatori professionali

  • Iscrizioni scuola dell’infanzia 2020/21: date e domanda

  • Università: in Italia nei prossimi anni mancheranno ingegneri, architetti, scienziati e statisti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento