Università: in Italia nei prossimi anni mancheranno ingegneri, architetti, scienziati e statisti

Nel nostro Paese troppi laureati in discipline politico-sociali, umanistiche e psicologiche e pochi ingegneri, architetti, manager e scienziati, secondo il rapporto di Unioncamere

Secondo il rapporto Excelsior sui fabbisogni occupazionali 2019-2023 di Unioncamere, nei prossimi 5 anni in Italia mancheranno circa 100mila laureati, con un elevato disallineamento tra i percorsi di studio scelti dai giovani e le richieste del mercato del lavoro.

Scendendo nel dettaglio, nel nostro Paese nei prossimi anni ci saranno troppi laureati in discipline politico-sociali, umanistiche e psicologiche e mancheranno ingegneri, medici, architetti, manager, scienziati, statistici e, anche i laureati in giurisprudenza; facoltà che negli ultimi dieci anni ha visto un calo delle immatricolazione vicino al 40%.

Secondo le previsioni di Unioncamere mancheranno tra i 12mila e 24mila laureati all’anno, cifra che nel quinquennio equivale a 60mila-120mila laureati in meno del necessario. Un dato negativo che verrà solo parzialmente compensato dalla disponibilità dei laureati disoccupati.

Allo studio di Unioncamere si aggiunge quello condotto da JpMorgan e Università Bocconi che vede l’Italia al terzo posto al mondo (dopo la Corea del Sud e la Gran Bretagna) nella classifica dei Paesi con il maggior disallineamento tra i titoli di studio richiesti dal mercato del lavoro e le facoltà scelte dagli studenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
IlPiacenza è in caricamento