A Cadeo tutti a scuola a piedi o in bici per la prima Giornata dell'Ambiente

"Amico della natura. Per migliorare l'ambiente, grido: presente!" è stato il motto della mattinata che ha visto tantissimi bambini, accompagnati da genitori e nonni, animare il viale della scuola

Il sindaco Bricconi con gli studenti giunti a piedi o in bici a scuola

C'è Leo in rollerblade, Alice e Niccolò in bici con le rotelline, Salah in mountain bike e Federico in monopattino. Sono alcuni dei tantissimi alunni dell'Istituto Comprensivo di Cadeo dai "piedi lesti" che ieri mattina hanno aderito alla prima giornata comunale all'insegna della mobilità sostenibile. «La giornata dei piedi lesti è nata grazie alla collaborazione tra Comune, Scuola e l'associazione GenitorInsieme - spiega Marco Bricconi,  primo cittadino di Cadeo - una giornata in cui abbiamo invitato bambini e genitori a lasciare l'auto a casa e venire a scuola a piedi o in bici. Ridurre l’uso delle auto anche nei percorsi casa-scuola, è il primo indispensabile passo per far crescere i nostri figli in un ambiente più sicuro e più sano».

"Amico della natura. Per migliorare l'ambiente, grido: presente!" è stato il motto della mattinata di ieri che ha visto poche auto parcheggiate nei pressi del plesso scolastico e tantissimi bambini, accompagnati da genitori e nonni, animare il viale. «Questa iniziativa è nata grazie alla collaborazione del Consiglio Comunale dei ragazzi - sottolinea l'assessore Massimiliano Dosi -, si ripeterà nel mese di settembre con la settimana dedicata alla mobilità sostenibile in cui prenderanno vita diversi eventi collaterali. Il nostro territorio ha già un'impronta sostenibile grazie alla presenza del Pedibus, ora è tempo di attivare un Bicibus per permettere ai ragazzi di Fontana Fredda di arrivare a scuola su due ruote grazie alla ciclabile. Faccio appello perché si facciano avanti dei volontari».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Falciata mentre soccorre un automobilista, grave una ragazza

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Resta grave la 23enne falciata da un’auto: sottoposta nella notte a un delicato intervento chirurgico

  • Con il tir sfonda il guard rail e precipita dal viadotto nel deposito Seta: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento