Agevolazioni giovani, come e perché aprire il primo conto corrente

Il conto corrente dedicato ai giovani nella maggior parte dei casi non ha spese di apertura. Inoltre, rappresenta una responsabilità in più per il giovane adulto nella gestione dei soldi: scopriamo come e perché aprirlo

Il conto corrente è uno strumento che ci permette di prelevare e depositare in qualsiasi momento dei soldi. Questi ultimi vengono gestiti da un istituto bancario (o da un ente che li gestisce) consentendone sempre la loro disponibilità. Non si sa mai quale sia l'età più adatta per aprire il primo conto corrente. Ogni famiglia ha le proprie tempistiche e le proprie abitudini. L’apertura di un conto corrente è semplice, anche per i giovani alle prime armi, bastano pochi e semplici passaggi. Sarà sufficiente infatti:

essere maggiorenni;

fornire un documento di identità alla banca alla quale ci si è rivolti;

fornire il codice fiscale;

presentarsi personalmente.

Una volta firmato il contratto, il conto corrente è attivo. Al momento dell’apertura del conto riceveremo il relativo codice IBAN, una coordinata bancaria composta da lettere e numeri che identificano in modo univoco il nostro conto corrente anche a livello internazionale.

Il primo conto

Il primo conto corrente può essere nominale o cointestato con i genitori. Questo, è uno strumento che permette di prelevare e depositare soldi in qualsiasi momento e, nella maggior parte dei casi, le banche stipulano contratti riservati ai giovani e giovanissimi a costo zero o comunque con diverse agevolazioni rispetto ai conti correnti riservati agli over 30. Il conto cointestato può essere:

con firma “congiunta”: le operazioni (emissione di assegni, bonifici) possono essere effettuate solo con la firma di tutti gli intestatari;

con firma “disgiunta”: ognuno dei titolari può fare tutte le operazioni che vuole senza chiedere l’approvazione degli altri cointestatari. 

Offerte

Prima di aprire un conto corrente, è bene verificare le varie offerte che le banche nella zona propongono ai giovani. Di solito, si sceglie la banca di famiglia, ma dare un'occhiata in giro e magari scegliere la banca che offre più servizi al minor prezzo è una buona idea.

Perché farlo

Il conto corrente dedicato ai giovani nella maggior parte dei casi non ha spese di apertura o di gestione. Inoltre, rappresenta una responsabilità in più per il giovane adulto e consente di renderlo più responsabile nella gestione dei soldi. Ancora, il conto corrente consente di prelevare e depositare soldi ormai in ogni parte del mondo, e quindi diventa molto utile in caso di viaggio, che sia per studio o per divertimento. Infine, sul conto possono essere caricati i primi stipendi o la borsa di studio dell'università.

Potrebbe interessarti

  • Requisiti Reddito di cittadinanza, come fare domanda e quali regole rispettare

  • I trucchi per avere abiti perfetti senza stiratura, anche durante le vacanze

  • Perché smettere di stirare? Vantaggi e consigli

  • Ricetta della sangria, consigli per un aperitivo estivo

I più letti della settimana

  • Migliaia di rotoballe divorate dalle fiamme nella notte, nel rogo muoiono anche alcuni bovini

  • Arrestata per omicidio a Ravenna, a Piacenza era già finita nei guai per stalking e resistenza

  • Omicidio in piadineria a Ravenna, la coppia è di Travo

  • Cade da una scala, muore operaio

  • Travolto in bici da un furgone, grave un bambino

  • Grave dopo la caduta dal secondo piano

Torna su
IlPiacenza è in caricamento