Come scegliere il migliore deumidificatore per ambienti, guida all'acquisto

I deumidificatori eliminano l'umidità dall’aria rendendola più secca e pulita. Con dei costi più contenuti rispetto ai climatizzatori, scopriamo i diversi modelli presenti sul mercato, le migliori marche e le caratteristiche da tenere in considerazione prima dell'acquisto

La muffa che compare sui muri e l'intonaco che si stacca sono dei chiari segnali di un’eccessiva umidità in casa. I deumidificatori sono degli apparecchi molto utili che eliminano l'umidità dall’aria, in modo da renderla più secca e pulita. Spesso vengono utilizzati per una questione igienica, in quanto un’elevata quantità di umidità potrebbe causare, appunto, la formazione di muffe e funghi. A ciò bisogna aggiungere anche delle specifiche ragioni di salute, dato che solitamente gli ambienti molto umidi provocano una serie di disagi al nostro benessere. Ma quale scegliere? In commercio esistono diversi modelli di deumidificatori. Ecco una breve guida all'acquisto.

Inverno e estate

I deumidificatori hanno un duplice utilizzo,d’inverno, possono rimuovere l’umidità dagli ambienti, mentre d’estate contrastano il calore eccessivo.

Cosa valutare prima dell'acquisto

I deumidificatori tradizionali eliminano l'umidità in eccesso, condensandola in acqua che si raccoglie in un apposito contenitore. Rispetto ai tradizionali climatizzatori i costi sono più contenuti. Al momento dell’acquisto per scegliere il deumidificatore più adatto alle nostre esigenze possiamo valutare diversi aspetti come:

- il volume dell’ambiente;

- la temperatura alla quale l’apparecchio lavora;

- l’ingombro e il peso dell’apparecchio;

- l’umidità massima asportabile;

- il volume del serbatoio e/o la presenza di un tubo per scaricare l’acqua;

- la possibilità di regolare in automatico il grado di umidità;

- la presenza di filtri per purificare l’aria;

- la possibilità di lavare i filtri.

Modelli

I modelli di deumidificatori presenti sul mercato si dividono in fissi e portatili. Esistono, poi, delle ulteriori differenze in base alle caratteristiche tecniche dell’apparecchio. A seconda del processo fisico sfruttato per la deumidificazione dell’aria si distinguono due categorie di prodotti, i deumidificatori essiccativi e i deumidificatori meccanico-refrigerativi. Tra le numerose marche diffuse sul mercato troviamo De’Longhi, Trotec, Wenko, Argo, Duronic, Ariston, Klarstein. I più venduti, ad oggi, sono:

De’Longhi Tasciugo DEM10;

De’Longhi DEX14;

De’Longhi DDS30;

De’Longhi DDS20.

Deumidificatori essiccativi

La deumidificazione si ottiene attraverso materiali essiccanti, come ad esempio il gel di silice. L’aria viene spinta, grazie a una ventola, verso il materiale essiccante che reagisce chimicamente e condensa in acqua l’umidità presente nell’aria. Quando i pori del materiale assorbente sono completamente pieni d’acqua, il processo di deumidificazione si blocca. Periodicamente, quindi, occorre svuotare l’acqua raccolta nel serbatoio.

Deumidificatori meccanico-refrigerativi

In questo caso, l'aria viene aspirata da una ventola e spinta verso una serpentina di raffreddamento. A contatto con quest’ultima il vapore acqueo presente nell'aria si condensa e l’acqua viene raccolta in un serbatoio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Tre acconciature da fare prima di andare a letto per avere boccoli morbidi e voluminosi al mattino

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • «Sono fuggito dopo aver investito quell'uomo». Si costituisce il pirata di Vigolzone

  • Travolto da un'auto mentre va al lavoro, grave un uomo

  • Schianto fra tre auto, due donne ferite: una è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento