Fondo pensione integrativo, cos'è e come funziona

Il tema delle pensioni è un argomento sempre più caldo, soprattutto per quanto riguarda le nuove generazioni. Date le circostanze critiche, sono sempre di più le persone che decidono di ricorrere ad un fondo pensione integrativo: scopriamo come funziona

Il tema delle pensioni è un argomento sempre più caldo. Come funziona il sistema pensionistico è risaputo: durante un qualsiasi rapporto di lavoro i cittadini sono tenuti a versare all’INPS dei contributi al fine di assicurarsi una pensione nel momento in cui si smetterà di lavorare. Ma per quanto riguarda i giovani e le nuove generazioni, la pensione potrebbe non arrivare mai, o comunque potrebbe non essere sufficiente a garantire una vita dignitosa. Date le circostanze critiche, sono sempre di più le persone che decidono di ricorrere ad un fondo pensione integrativo. Scopriamo come funziona.

Cos'è la pensione integrativa

La pensione integrativa è una forma di risparmio pensionistico che si aggiunge alla pensione di base del regime pubblico obbligatorio. In poche parole, è una pensione che va ad integrarsi a quella statale nel caso in cui quest'ultima non fosse sufficiente. Tutti possono richiedere una pensione integrativa e risparmiare denaro in vista dell’integrazione della pensione vera e propria.

A chi rivolgersi

Il mercato bancario offre diverse tipologie di prodotti, basta semplicemente rivolgersi alla propria banca di fiducia per conoscere quali sono i pacchetti di pensione integrativa disponibili. Allo stesso modo, ci si può rivolgere anche alle assicurazioni e stipulare il tipo di contratto maggiormente affine alle proprie esigenze.

Come funziona

Il sistema previdenziale fa leva su meccanismi statali, ed è un meccanismo ripartito, ovvero, i contributi che vengono versati dai lavoratori sono erogati ai cittadini che sono in pensione e che devono percepire il proprio assegno mensile. Se la previdenza obbligatoria comprende tutte le prestazioni di tipo pensionistico che sono garantite per legge a tutti i cittadini e si basa sulla contribuzione obbligatoria, ossia sul versamento dei contributi allo stato; al contrario, la previdenza complementare è un sistema di tipo integrativo pensato per offrire ai lavoratori, in particolare ai più giovani e agli studenti, un modo per disporre di ulteriore denaro una volta che saranno andati in pensione.

Vantaggi

contributi versati annualmente nel fondo (ad esclusione del TFR) sono deducibili, ovvero vengono sottratti dal reddito dichiarato ai fini IRPEF, entro il tetto annuale di 5.164,57€. Il regime fiscale è agevolato rispetto ad ogni altra forma di risparmio o investimento. Inoltre, è prevista una tassazione ridotta dei rendimenti finanziari. La pensione integrativa, in fase di erogazione, è tassata con aliquota dal 15% al 9% inferiore alle aliquote IRPEF sui redditi che vanno dal 23% al 43%.

Il fondo pensione, perplessità 

Il fondo pensione è considerato un vero e proprio fondo di investimento. Per capire quale fondo pensione potrebbe fare al caso nostro, la prima cosa da fare è riflettere su quello viene definito “gap previdenziale”, ossia a quanto, in termini economici, ammonterà la nostra pensione futura. L’INPS, ad esempio, mette a disposizione uno strumento utile, chiamato “la mia pensione” che consente di calcolare, attraverso stime e previsione, il valore della pensione. Alla cifra ottenuta, bisognerà poi aggiungere il denaro che deriva dall’investimento fatto del TFR. Quando la stima e la previsione della pensione sarà più chiara, apparirà chiaro anche il gap previdenziale.

Le tipologie

Esistono diverse tipologie di fondi pensioni. Ognuno può sceglierlo in base alle proprie esigenze, al tipo di rendimento che offrono e anche in base all’investimento necessario per stipulare l'accordo. I fondi pensione cui la maggior parte delle persone ricorrono sono tre:

- Fondi pensione aperti: sono gestiti dalle banche e dalle assicurazioni e sono aperti a tutti i lavoratori.

- Fondi pensione chiusi: sono il frutto dell’accordo tra sindacati e organizzazioni di imprenditori e, per questo motivo, possono aderirvi soltanto alcune categorie di lavoratori.

- Piani individuali per la previdenza: molto simili ai fondi pensioni, ma sono strutturati e funzionano come una polizza di assicurazione sulla vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Tre acconciature da fare prima di andare a letto per avere boccoli morbidi e voluminosi al mattino

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • «Sono fuggito dopo aver investito quell'uomo». Si costituisce il pirata di Vigolzone

  • Travolto da un'auto mentre va al lavoro, grave un uomo

  • Schianto fra tre auto, due donne ferite: una è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento