sabato, 30 agosto 27℃

Apre con l’Alzabandiera il grande Campo provinciale degli scout

Vicino a Marsaglia una cittadella di 500 persone che per dieci giorni vivranno insieme l'avventura scout. Un raduno di grandi proporzioni che sul territorio piacentino non veniva organizzato da 24 anni

Redazione 2 agosto 2012

Si è aperto l'1 agosto, con la cerimonia ufficiale dell’alzabandiera, il quarto Campo di Zona Agesci che riunisce a Castelvetto di Metteglia (Marsaglia) oltre 430 ragazzi e ragazze scout dagli 11 ai 16 anni, gli esploratori e le guide. Un raduno di grandi proporzioni che sul territorio piacentino non veniva organizzato da 24 anni e che ha l’obiettivo di far vivere ai ragazzi un’esperienza di avventura e comunità condivisa con tutti gli scout del territorio. Sette pullman carichi di ragazzi sono partiti all’alba dal parcheggio dello Stadio e da Fiorenzuola e Castelsangiovanni, per confluire tutti negli ampi spazi verdi che circondano il piccolo paesino di Castelvetto, situato a 1000 metri di altitudine, nel Comune di Marsaglia.

Annuncio promozionale

Giunte sul posto le squadriglie di ragazzi, aiutati dai loro capi, hanno montato le tende, circa 70, i tavoli e le cucine di legno e cordini, su cui si faranno da mangiare durante tutta la durata del soggiorno e che saranno base di partenza per dieci intense giornate di avventure in stile scout. A dare il benvenuto ai ragazzi, durante la cerimonia inaugurale, sono stati i responsabili degli esploratori e delle guide (E/G) Laura Torretta e Stefano Cerra e l’assistente ecclesiastico don Piero Bulla, che hanno invitato tutti i presenti a vivere con entusiasmo e in ‘stile scout’ questa esperienza di fratellanza così rara nel percorso scout. L’ultimo Campo di Zona risale infatti a 24 anni fa.

Corte Brugnatella
scout

Commenti