Maltempo, Gazzolo: «Danni per 30 milioni di euro, nel Piacentino 21 frane»

Gazzolo: «Vista l'eccezionalità del maltempo delle ultime settimane, il presidente Errani firmerà a ore la richiesta al Governo di dichiarazione dello stato di emergenza. Danni

“Vista l’eccezionalità del maltempo delle ultime settimane, il Presidente Vasco Errani firmerà a ore la richiesta al Governo di dichiarazione dello stato di emergenza”. L’assessore regionale alla Difesa del suolo Paola Gazzolo traccia un primo bilancio dell’emergenza che si è abbattuta in queste settimane sull’intera Emilia Romagna. “Il primo trimestre del 2013 si è rivelato quello più piovoso  dell’ultimo trentennio: una situazione che segue gli eventi già registrati a fine 2012 in particolare sulle zone della costa e dell’Appenino romagnolo”.

Precipitazioni prolungate che hanno determinato 409 frane ed eventi di dissesto sul territorio regionale, 21 quelli relativi alla provincia di Piacenza. Tra i comuni colpiti, Bettola, Bobbio, Castell’Arquato, Cortemaggiore, Ferriere, Pecorara, Pianello, Travo e Vernasca, oltre a Marsaglia e ai tratti della Statale 45 di competenza di Anas. “Si tratta di dati tuttora in aggiornamento”, precisa l’assessore.

“I Servizi tecnici di bacino stanno ultimando la ricognizione sulla base delle segnalazioni in continuo arrivo da parte dei Comuni: una volta completata, partirà la richiesta dello stato di emergenza”. Ad una prima stima, la conta dei danni risulta particolarmente elevata. “Solo per gli interventi di ripristino saranno necessari oltre 30 milioni di euro, ma alla fine il conto sarà più elevato perché destinato a comprendere le segnalazioni dei Consorzi di bonifica e quelle relative alle strade provinciali”, aggiunge la Gazzolo.

“Ottenere finanziamenti statali non sarà semplice, ma ci impegneremo per raggiungere l’obiettivo giocando di squadra con altre Regioni interessate dall’emergenza, a partire da Liguria e Toscana”. L’Agenzia regionale di Protezione Civile ha comunque provveduto ad un primo stanziamento di 700 mila per fronteggiare le situazioni più gravi: 40 mila euro sono stati assegnati al comune di Ferriere in seguito alla chiusura della strada di Cattaragna per la caduta di massi; 60 mila al comune di Cortemaggiore per un intervento relativo alle arginature.

Lo scorso 23 marzo è stato inoltre firmato il Decreto che assegna alla Regione Emilia Romagna 8,8 milioni di euro a favore dei territori colpiti dal maltempo dello scorso novembre. “Di questi fondi – precisa la Gazzolo - 5,8 milioni saranno destinati ad un “Piano di manutenzione straordinaria” che vogliamo predisporre con gli enti locali: una prima importante risposta agli aggravamenti delle situazioni critiche segnalati in questi giorni”. Al tempo stesso,  prosegue l’assessore, va sottolineata l’importanza della manutenzione ordinaria come vera azione di prevenzione del dissesto. “Serve che a livello nazionale venga data priorità al tema della sicurezza valutando la richiesta di un Piano decennale per prevenzione del rischio idrogeologico e la manutenzione del territorio, più volte avanzata dalla Regione Emilia Romagna” conclude l’assessore. “Si tratterebbe di uno strumento importante per dare concretezza all’economia della prevenzione, capace di fare della sicurezza territoriale un volàno per la crescita economica e l’occupazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Giordania, ingegnere piacentino muore colpito da alcuni massi a Petra

  • Coronavirus, un contagiato in Lombardia ricoverato a Codogno

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Schianto sulla strada della Mottaziana, gravi due giovani

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento