Area sgambamento al Montecucco, Fiazza (Pd): «Contano le istanze della gente, non i colori politici»

Il consigliere comunale del Pd replica a una affermazione del vicesindaco Elena Baio sull'imminente inaugurazione dell'area di sgambamento cani al parco di Montecucco

Christian Fiazza

Durante la conferenza stampa per la presentazione dell’area sgambamento cani al parco Montecucco, il vicesindaco Elena Baio ha dichiarato che le viene «da ridere di fronte ai commenti di un esponente del Pd, perché siamo stati noi a esaudire le richieste rimaste inascoltate per anni». Non tarda ad arrivare la replica del consigliere comunale Christian Fiazza (Pd), che ha più volte segnalato - anche in sede istituzionale - la necessità di uno spazio per animali domestici nell’area verde e che perciò si sente chiamato in causa dalle «acide esternazioni» della Baio. 

«Sono felice d’aver fatto ridere il vicesindaco Baio, è un’attività che favorisce la circolazione sanguigna e migliora la salute e l'umore. D’altra parte, non posso che essere sorpreso dalla sua arrogante sbeffeggiatura nei miei confronti. Sarei bugiardo a non dire che avrei preferito che l'opera fosse stata realizzata dalla precedente amministrazione di centrosinistra, ma ciò che conta è che finalmente i residenti del quartiere Besurica e delle zone limitrofe abbiano un’area a disposizione per far scorrazzare i propri amici a quattro zampe e non disturbare gli altri fruitori del parco. Dal canto mio, ho ascoltato gli abitanti e ho portato in consiglio comunale questa istanza. Non mi sono mai assegnato alcun merito - le mie dichiarazioni ne sono la prova -, ma non ho alcunché di cui giustificarmi se ho dato voce ai bisogni della città», prosegue Fiazza. «Se il vicesindaco vuole appuntarsi una medaglia personale da “primo posto”, faccia pure. Ma ritengo che i colori politici e le differenze ideologiche, di fronte alle problematiche quotidiane della gente, dovrebbero essere accantonati. Ho sempre dimostrato questo principio in quindici anni di attività amministrativa, sia tra i banchi della maggioranza che dell’opposizione. Sarà forse per questa ragione che i vicesindaco nominati passano - ne ho già visti quattro e chissà cosa mi riserva il futuro - mentre i consiglieri eletti dal popolo rimangono a dispetto delle risate».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, l'Inps sospende i servizi e le visite

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

Torna su
IlPiacenza è in caricamento