Autonomia regionale: l’Emilia Romagna presenta il suo progetto

L'incontro con Paola Gazzolo, per presentare nel merito il progetto del Pd, giovedì 11 aprile alle 18 nell’Auditorium della Cooperativa “Il Germoglio” di via Bubba 25

Paola Gazzolo

«Davvero il progetto di autonomia differenziata presentato dalla Regione Emilia-Romagna mette in discussione il principio dell’unità nazionale?» Per confutare questa critica e presentare nel merito il progetto, il Pd organizza un incontro aperto al pubblico per giovedì 11 aprile alle 18 nell’Auditorium della Cooperativa “Il Germoglio” di via Bubba 25.

Sarà l’assessore regionale Paola Gazzolo, dopo una breve presentazione da parte del Segretario provinciale Silvio Bisotti, a farsi portavoce di «un disegno incubato per due anni, confrontato con tutte le parti sociali ed approvato senza voti contrari dall’Assemblea legislativa lo scorso 18 settembre, ora all’esame del Governo».

Un progetto diverso da quello avviato da Lombardia e Veneto, ma affine in relazione alla richiesta di «poter attuare pienamente quanto già previsto dall’art.116 della Costituzione, ma mai attuato».

«L’ Emilia-Romagna chiede di poter gestire 15 delle 23 competenze possibili, non chiede soldi in più allo Stato bensì, di gestire direttamente le risorse che lo Stato già spende. Tanto meno chiede, come paventato, che la pubblica istruzione sia disegnata su scala regionale, né che venga meno lo spirito di solidarietà fra territori». L’incontro sarà utile proprio per entrare nel merito dell’insieme del progetto. Un confronto che potrà proseguire anche oltre l’incontro con l’aperitivo offerto ai presenti e la cena (su prenotazione con mail ainfo@pdpiacenza.it).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, l'Inps sospende i servizi e le visite

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

  • «Il virus circolava a Piacenza da tempo ma in tanti lo hanno superato senza accorgersene»

  • «Due nuovi casi positivi all'ospedale di Piacenza: contagiati dal focolaio lombardo»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento