«Beni confiscati alla mafia e dati ai migranti? Bonaccini ne chieda conto all'assessore Mezzetti»

Così il consigliere regionale, capolista a Piacenza del Carroccio, Matteo Rancan, sulle accuse mosse da Bonaccini su Facebook

Matteo Rancan

“Sui beni confiscati alla Mafia e dati ai migranti? Il governatore uscente, Stefano Bonaccini, chieda conto all'assessore Massimo Mezzetti, che nel 2017 dichiarava con orgoglio alla stampa che “a Pieve di Cento (Bologna), due case sono già state utilizzate in questo modo. Una palazzina, confiscata a un boss della mafia e inaugurata 2 anni e mezzo fa, ospita i vigili urbani e sei mini-appartamenti con famiglie di migranti”. “La Regione – spiegava a Repubblica Mezzetti - ha chiesto all’Agenzia nazionale di poter disporre anche degli immobili sequestrati (in attesa di confisca definitiva, o di revoca del provvedimento): “per uso temporaneo, ovviamente, e senza oneri di recupero, a titolo di aiuto per i Comuni chiamati a far fronte all’accoglienza dei rifugiati e all’emergenza legata alle nuove povertà”. Così il consigliere regionale, capolista a Piacenza del Carroccio, Matteo Rancan, sulle accuse mosse da Bonaccini su Facebook.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 23 anni nell'auto che si ribalta più volte nel campo

  • Travolta da un’auto dopo lo schianto contro il guard rail, Valentina muore a 22 anni

  • Tragico schianto in A21, muore giovane piacentina

  • Piacenza vota il centrodestra ma l'Emilia-Romagna conferma presidente Bonaccini

  • Tir si schianta contro una casa

  • I risultati nei 46 comuni del Piacentino: uno solo per Bonaccini

Torna su
IlPiacenza è in caricamento