«Bisogna fermare l’emorragia di negozi del centro storico»

Passa la mozione sul cambio d’uso negozi-autorimesse di Saccardi, emendata perché il dispositivo si scontrava con la legge nazionale

Un garage in centro storico è ovviamente diventato molto più appetibile che un negozio. E di garage che diventano negozi, beh, chi ne abbia notizia lo faccia presente. Perché a Piacenza non se ne vedono da molti anni. Per questo Mauro Saccardi (Gruppo Misto) ha riportato la questione nel dibattito consiliare, presentando una mozione, poi emendata e accolta con il voto quasi unanime dell’aula (astenuti Massimo Trespidi e Mauro Monti di Liberi). «Bisogna fermare l’emorragia – ha detto Saccardi – con più interventi, perché sono veramente troppe le autorimesse nel centro storico».

«Ho suggerito – ha preso la parola l’assessore all’urbanistica Erika Opizzi - di modificare la richiesta. Capisco lo spirito del consigliere, però la legge va in deroga agli strumenti urbanistici del Comune. Piacenza non ha la possibilità per inibire i cambi di destinazione d’uso». La Erika Opizzi-4proposta di Saccardi è stata corretta dallo stesso consigliere, perché «non voglio andare contro legge». Le autorimesse ai sensi dell’articolo 9 legge 122/89 risultano gravate da vincolo pertinenziale legato a una unità immobiliare e, quindi nel caso in cui risultano alienate indipendentemente da quest’ultima, l’atto di vendita è nullo ai sensi di legge. Nel nuovo testa la «Giunta si prenderà l’impegno di assumere idonee iniziative affinché nelle vie e nelle piazze del centro sia negata in caso di compromessa ordinata realizzazione degli interventi in ambito storico, la possibilità di cambio d’uso».

«Ho letto e sentito attacchi feroci all’assessore al commercio Stefano Cavalli – ha preso le sue difese Nelio Pavesi (Lega) - per alcune sue dichiarazioni sul centro storico. Bisognava riconoscere a lui l’impegno. Questo impegno di favorire il piccolo commercio è nel Dna della Lega». «L’assessore è bravo a evidenziare i problemi – ha sentenziato Sergio Dagnino (Movimento 5 Stelle) - ma le risposte poi non sono quelle condivise dal resto della Giunta. Perché i titolari trasformano i negozi in garage?».

«Tutte le volte – ha espresso Roberto Colla (Piacenza Oltre) - che si vede abbassare una saracinesca di un negozio per diventare un garage, è triste, l’ultimo caso in via Garibaldi». «Dobbiamo incentivare i commercianti – è intervenuto anche Antonio Levoni (Liberali) - a venire in centro storico favorendo affitti inferiori, garantendo tassazioni minori per loro e per i proprietari di questi locali». «Servono parcheggi più vicini – ha osservato Luigi Rabuffi (Piacenza in Comune) - al centro storico per favorire il commercio, ma non quello interrato di piazza Cittadella. Utilizziamo Laboratorio Pontieri come parcheggio a raso». «Raccogliere tutte le proposte e confrontiamoci per migliorare la situazione è la proposta di Giancarlo Migli (capogruppo Fd’I). Proposta che ha trovato d’accordo anche il capogruppo dem Stefano Cugini, che ha chiesto di calendarizzare una commissione. Saccardi ha ringraziato i colleghi: «Trovo il Consiglio comunale attento e sensibile al problema».  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mio marito è stato un dono per la mia vita»

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Contagi in drastico calo a Piacenza: il 7 aprile 17, ieri erano 44

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

Torna su
IlPiacenza è in caricamento