Caso Morsia-Mangiarotti, il Comune sborsa 167mila euro

Il contenzioso sul ruolo di dirigente della direzione risorse del Comune di Piacenza vedrà Palazzo Mercanti scucire 167mila euro. Per l’incarico, dopo un concorso bandito nel 2012, venne scelto Giuseppe Morsia. Dietro di lui arrivò Massimo Mangiarotti, che però fece ricorso. Diverse le sentenze di questi quattro anni di battaglie legali. Il Tar di Parma ha poi dato ragione a Mangiarotti: il posto sarebbe spettato a lui, Morsia non aveva i titoli per vincere il bando. E così l’ente è costretto a versare al mancato dirigente comunale la differenza tra quanto ha guadagnato in questi anni e quanto gli sarebbe spettato nel ruolo poi ottenuto da Morsia, che nel frattempo ha lasciato il Comune di Piacenza. Somma piuttosto elevata per le casse dell’ente: 167mila euro (4mila sono di spese legali).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mio marito è stato un dono per la mia vita»

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Contagi in drastico calo a Piacenza: il 7 aprile 17, ieri erano 44

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

Torna su
IlPiacenza è in caricamento