Comparto logistica, Molinari e Tarasconi (Pd): «Tutelare diritti lavoratori appalti postali»

Dopo le numerose denunce segnalate dai sindacati delle ditte in appalto a Poste Italiane, i consiglieri regionali Pd chiedono che la Giunta intervenga sull'azienda per scoraggiare fenomeni come "gare a ribasso"

La tutela dei lavorati degli appalti postali - considerato che i sindacati piacentini hanno già registrato le denunce di persone che prestano servizio nelle aziende PI.GA. srl e LID srl - è al centro di una interrogazione presentata dai consiglieri Pd Gian Luigi Molinari e Katia Tarasconi. I consiglieri chiedono quindi di sapere “quali strumenti siano a disposizione della Giunta e come intenda intervenire nei confronti di Poste Italiane per sollecitare il pieno rispetto dei diritti dei lavorati degli appalti postali”.

“Le denunce – hanno evidenziato i democratici - riguardano in particolare il ritardato o addirittura mancato pagamento degli stipendi, il non rispetto della normativa sulla sicurezza e il tentativo di far firmare contratti non in linea con gli obblighi e con le necessità date dall’appalto postale. I lavoratori coinvolti gestiscono il servizio di trasporto della posta da decenni, passando di appalto in appalto da una ditta ad un’altra. Nonostante l’intervento dei Sindacati e di Poste Italiane abbia in parte risolto alcuni problemi, una situazione di criticità persiste”. 

“Dal 2017 ad oggi – hanno spiegato Molinari e Tarasconi - i Sindacati piacentini hanno registrato le denunce di chi presta servizio in due diverse aziende, rispettivamente PI.GA. srl e LID srl, entrambe legate alla gestione del trasporto della posta, in appalto da Poste Italiane. PI.GA. srl è stata la ditta appaltatrice del servizio di Poste fino a metà dicembre 2017, LID srl è una delle due ditte subentrate a PI.GA da metà dicembre 2017 sino ad oggi. Il settore della logistica – hanno evidenziato -  appare come uno dei settori maggiormente a rischio rispetto alla non corretta applicazione dei contratti di settore, senza tralasciare la sgradevole situazione di cui parlano i lavoratori stessi: condizioni, orari e metodi di sorveglianza particolarmente degradanti”.

Nell’atto ispettivo viene fatto un excursus puntuale dei provvedimenti precedentemente assunti: nel 2015, la Regione Emilia Romagna ha sottoscritto il Patto per il lavoro in cui vengono garantiti principi di sicurezza e qualità come priorità strategica da conseguire; a settembre 2016, l’Assemblea legislativa ha approvato una risoluzione che ricordava gli impegni presi dalla Regione con la legge n. 3 del 2014 “Disposizioni per la promozione della legalità e della responsabilità sociale nei settori dell'autotrasporto, del facchinaggio, della movimentazione merci e dei servizi complementari”, ed impegnava la Giunta ad avviare “la predisposizione di un piano di prevenzione e vigilanza delle imprese della logistica operanti in regione”. Contenuti che sono stati successivamente assorbiti dal Testo unico per la promozione della legalità e per la valorizzazione della cittadinanza e dell’economia responsabili (l.r. 18/2016).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui la richiesta degli esponenti dem di sapere quanto è stato fatto in questi anni per tutelare i lavoratori del comparto della logistica in generale, e degli appalti postali in particolare, e quali modalità di azione della Giunta per sollecitare Poste italiane, che è appaltatrice delle due aziende citate, a prendere provvedimenti.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischia di annegare in una piscina da giardino, bimbo di 2 anni gravissimo

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Furti nei magazzini della logistica piacentina, maxi blitz all'alba con quaranta arresti

  • Dalla logistica la merce rubata finiva in negozi compiacenti: 14 persone in carcere

Torna su
IlPiacenza è in caricamento