Contenimento cormorani, Molinari: «Focus su 8 fiumi, c’è anche il Trebbia»

Il cormorano è una specie protetta e per avviare piani di prelievo in deroga la normativa vigente prevede l’approvazione di ISPRA, l’Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale. L’iter è particolarmente complesso e richiede un intenso e accurato lavoro preliminare: da qui il pressing di Molinari per un provvedimento

Molinari

«Si è provveduto all’individuazione di aree precise intorno a 8 fiumi tra cui c’è anche il Trebbia che risulta presentare una varietà di specie ittiche meritevoli di salvaguardia, ma anche oggetto di monitoraggio». Lo chiarisce il consigliere regionale Gian Luigi Molinari, a seguito del via libera sulla sua risoluzione che chiedeva di verificare le varie ipotesi per realizzare piani di abbattimento dei cormorani. «Un primo passo è quindi stato fatto» – spiega Molinari a cui si era rivolta Arci Pesca per trovare una soluzione adeguata. «Le Regioni e le Province che in passato hanno recepito deroghe – continua - avevano sempre ottenuto di fare piani di controllo per un 10% su aree ben delimitate e circoscritte. Per questo motivo è stato escluso un provvedimento indiscriminato su scala regionale».

«Il secondo passaggio, in via di definizione – aggiunge il consigliere piacentino - vedrà l’affidamento di un lavoro di ricerca ad un soggetto qualificato in grado di fornire informazioni attendibili sulla presenza di cormorani lungo i corsi d’acqua identificati e il loro effettivo impatto sulla fauna ittica».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il cormorano è una specie protetta e per avviare piani di prelievo in deroga la normativa vigente prevede l’approvazione di ISPRA, l’Istituto per la Protezione e la Ricerca Ambientale. L’iter è particolarmente complesso e richiede un intenso e accurato lavoro preliminare. Da qui il pressing di Molinari per un provvedimento: «La Giunta regionale – ha quindi spiegato – si sta muovendo per presentare ad Ispra le richieste di deroga adeguatamente motivate e ottenere il parere positivo sulla realizzazione di piani di contenimento del cormorano per dare un po’ di ossigeno anche all’attività dei pescatori, oltre che per la salvaguardia ambientale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbanda con il tir e viene sbalzato dalla motrice: gravissimo camionista

  • Esce di strada e si ribalta piu volte nel campo, 24enne all’ospedale

  • Dà fuoco alla tenda di un senzatetto mentre lui dorme: «Sono vivo per miracolo»

  • Dramma della solitudine: trovata senza vita in casa dopo tre mesi

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Dall'inferno del Covid al ritorno a casa, ecco i vigili del fuoco che hanno vinto il virus

Torna su
IlPiacenza è in caricamento