Crosetto: «Siamo l’unica forza che parla con le imprese»

Le critiche di Guido Crosetto (Fratelli d’Italia) al Governo: «Disattento sulla politica estera»

«Siamo l’unico partito che ha un progetto concreto su che cosa fare in Europa. Invece di annaspare contro le tenebre, accendiamo un cerino». Lo ha affermato Guido Crosetto, ex parlamentare di Fratelli d’Italia e uno dei pochissimi che si è dimesso dalla Camera, lo scorso marzo, per incompatibilità con il suo ruolo nella Federazione che riunisce le aziende del settore difesa, aerospazio e sicurezza. Crosetto è arrivato in ritardo alla presentazione del candidato alle Elezioni Europee Fabio Pietrella in Sant’Ilario, a causa di un blocco del traffico nella zona di Ferrara dovuto la maltempo. Crosetto ha sottolineato che «Fratelli di Italia, con la Meloni, è l’unica forza che parla con le imprese: industria, agricoltura, commercio. Questo non è più un Paese per gli imprenditori. Noi vogliamo creare il terreno fertile a partire dal fisco, alla giustizia, togliendo burocrazia, parlando di investimenti. Bisogna creare ricchezza, altrimenti non di redistribuisce nulla». Sul lavoro, Crosetto è lapidario: «Lo crea l’impresa. Diciamo no all’intervento dello Stato che dà un reddito solo per stare sul divano». Tema che conosce bene, è stato sottosegretario alla Difesa nel quarto governo Berlusconi, sono gli esteri e la difesa. «La politica estera - sibila - è scomparsa dall’agenda politica. Siamo riusciti a rompere i rapporti con tanti Paesi del mondo. E con la Cina abbiamo fatto arrabbiare gli Usa e gli affari li hanno fatti i francesi. In Europa, poi, siamo esiliati, e non c’è una linea sulla Libia. Il governo, poi, è disattento verso la Difesa, che è stata usata come terreno di scontro politico. Nonostante gli sforzi degli ultimi anni, abbiamo toccato il livello più basso degli ultimi 20 anni».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Precipita nelle acque del Po, salvato appena in tempo

  • «Mi aveva preso in giro: non le servivo più, poi l'ho afferrata per il collo»

  • Travolto da un furgone mentre attraversa la Provinciale sulle strisce, grave un bambino

  • Auto avvolta dalle fiamme, conducente scende appena in tempo e si salva

  • Dopo un folle inseguimento tra la gente si scaglia contro i carabinieri: arrestato

Torna su
IlPiacenza è in caricamento