Cugini (Pd): «La metropolitana è una boutade per sviare l’attenzione dalla Giunta»

Il capogruppo del Partito Democratico presenta una proposta di delibera: «Ecco cosa possiamo fare per migliorare le cose in città, a partire da una bicipolitana»

Stefano Cugini (Pd)

«Parco mezzi a basso impatto ambientale, trasporto pubblico gratuito, Ztl più larga, isola pedonale in centro, bicipolitana. Questa è la nostra contro-proposta alla boutade della metropolitana leggera, ultima, in ordine di tempo, per sviare l’attenzione da una navigazione a vista che per ora non solo non ha fatto uscire la nave dal porto, ma si ostina a cambiare rotta a ogni soffio di vento». La pensa così il capogruppo del Partito Democratico in Consiglio, Stefano Cugini, commentando la novità espressa dal sindaco Patrizia Barbieri nell’ultima seduta a Palazzo Mercanti. «Il sindaco l’ha buttata lì nell’ultimo Consiglio – dice Cugini - per uscire da uno dei tanti angoli in cui ogni volta si trova “incantonata”, tralasciando di dire – se è vero ciò che mi ha sussurrato un esperto – che opere di questo genere costano circa 20 milioni di euro a chilometro. Tanto è campata in aria la cosa che non val la pena commentare oltre, per ora: i pregressi della “giunta del faremo” consigliano di non impegnarsi in un dibattito senza capo né coda fin dal principio».

«Resta però di importanza capitale il dibattito su dove vogliamo andare e quale futuro, in termini di qualità della vita, intendiamo lasciare ai posteri. Ho già detto che è ora di fare uno sforzo e uscire dai confini degli interessi di parte, per accettare il fallimento di una visione non più attuale e dire basta a cemento e inquinamento. Ripianificare, mettendo ambiente e salute al centro, senza compromessi, è un obbligo morale, ancor prima che politico.

Per essere ancora più netto, la svolta ecologista di qualsiasi politica agita da chi tiene davvero al futuro del proprio territorio è imperativa, irrimandabile, radicale. Progetti come quello della bicipolitana di Pesaro sono esempi virtuosi da seguire, strade da imboccare con convinzione. Per dare un contributo costruttivo a quanto l’amministrazione intende fare in termini di mobilità sostenibile, per dimostrare che alle parole seguono azioni concrete, abbiamo depositato giusto ieri una proposta di delibera su cui stavamo ragionando da qualche mese, per l’istituzione di una commissione speciale – Ambiente Piacenza 2020 – (gratuita e aperta a tutti) che lavori con l’obiettivo di pianificare un pezzo della rivoluzione di cui sopra, attraverso:

  • la tracciatura di una mappa dei punti più adatti per i parcheggi scambiatori intorno alla città, con capienza, distanza dal centro, possibilità di collegamento, costi e tempi indicativi di realizzazione;
  • la quotazione delle risorse necessarie per rendere gratuito o simbolico il costo per il cittadino del trasporto pubblico locale;
  • la quotazione dei costi (e la stima dei tempi) per rinnovare il parco mezzi pubblici verso l’utilizzo di autobus e minibus elettrici, o comunque a minimo impatto inquinante;
  • la stesura di una prima ipotesi di allargamento della ZTL e di progressiva pedonalizzazione del centro storico, da sottoporre poi a pubblico confronto;
  • lo studio di fattibilità su una più rigida regolamentazione degli accessi al centro storico dei corrieri e dei mezzi deputati al rifornimento di negozi e attività in genere.

Il timore che la proposta, fra mille scuse, faccia la stessa fine del nostro ordine del giorno sul Parco alla Pertite è fondato, ma non per questo abbiamo intenzione di desistere.Speriamo solo che, al solito, non scatti la tiritera bulla e arrogante del “hai perso le elezioni, dunque taci”, che sta purtroppo diventando la triste abitudine di chi si crede forte senza accorgersi che così dimostra solo grande debolezza e puntuale assenza di argomenti».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (13)

  • In effetti, la metropolitana leggera di Brescia, lunga meno di 14 chilometri, è costata quasi 900 milioni di euro : 65 milioni a chilometro. Se le cifre sono su questo ordine...a meno che il Comune non abbia un "tesoretto" da qualche parte

    • Io non credo che Barbieri e sodali intendessero "metropolitana leggera" nel senso stretto di "strada ferrata". Molto più probabile una serie di bus-navette nuove, pulite, ecologiche e poco ingombranti, anche per alleggerire il traffico dagli enormi baracconi di Seta.

    • Io non penso che Barbieri e sodali si riferissero a "metropolitana leggera" nel senso stretto di "strada ferrata". Molto più probabile un servizio di navette urbane nuove, pulite, e di dimensioni contenute, praticamente dei pulmini.

      • Mah, se Wikipedia è affidabile la metropolitana leggera è su rotaia anche se con piccole differenze riguardo a scartamento, convogli ecc. Se intendevano veramente un servizio di minibus... cavoli potevano essere un 'brisinino' più chiari.

        • Concordo. Ben vengano navette elettriche piccole e frequenti, ma allora non chiamiamola metropolitana, altrimenti sembra un po' fuorviante.

          • Metropolitana, bicipolitana... Diciamo che giocano un po' - da ambo le parti - a chi si riempie la bocca delle parole più difficili. Una "metropolitana" fa figo, eh. La propose anche Ubaldi a Parma. Sarebbe stato l'esempio fulgido della decadente grandeur parmigiana. Fortuna volle che Ubaldi ci restò sotto - politicamente si intende - prima che il danno fosse compiuto.

  • Ma il PD parla ancora? Attendiamo maggio per la definitiva dipartita di questo partito anti Italiani.

    • Talché, al masnen.

    • Con tutti gli argomenti che gli dà la giunta comunale di Springfield sarebbero stupidi a stare zitti

  • Una bicipolitana? Una ZTL allargata? Si, va bene, uccidiamo definitivamente il centro. Blocchiamo definitivamente le attività commerciali, gli studi professionali, la vita sociale del centro. Perfetto. Tutti in bicicletta, con il sorriso… Geniale!

    • Ma è così enorme il centro di Piacenza? Da barriera Milano a barriera Genova 10-15 minuti a piedi, dall'ospedale alla Lupa poco di più. Suvvia...

  • Pur essendo la persona distante dalle mie visioni politiche, devo riconoscere qui un programma sensato e pragmatico. Questa giunta sta facendo pentire del voto molti elettori, me compreso, su temi non secondari: sanità, ambiente, logistica, promozione ed immagine della città. Certo, verrebbe da chiedere a Cugini cos'hanno fatto loro su questi temi nella loro lunga stagione di governo.

  • Ecco Cugini, va bene tutto, l'unica cosa è che vista l'operazione grottesca (per non dire altro) che le precedenti giunte di CSX hanno fatto con le ciclabili io su un'iniziativa APPARENTEMENTE semplice come la bicipolitana (ma non esiste un creativo capace di trovare un nome con un po' più di appeal?...) ci andrei cauto

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Svaligiata l'ottica Salmoiraghi&Viganò, colpo da migliaia di euro nella notte

  • Politica

    Irpef, Fratelli d’Italia “sbatte la porta”: «Delibera da revocare, non da sospendere»

  • Politica

    La Giunta ha deciso: l'addizionale Irpef nel 2019 rimarrà invariata

  • Cronaca

    Controlli della Polizia Locale, sequestrati portafogli e borse contraffatti in centro storico

I più letti della settimana

  • Operaio investito e ucciso da un treno

  • Si schianta contro un'auto parcheggiata e la distrugge, poi si ribalta in mezzo alla strada

  • Dopo lo schianto contro un terrapieno viene sbalzato nel canale: gravissimo

  • Cadeo, l’azienda “Selta Spa” chiede il concordato preventivo

  • Dopo lo schianto con un furgone si ribalta nel fosso: è gravissima

  • Stroncato da un malore si schianta in auto, muore un uomo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento