«Da Pontida parte la riscossa della Lega e degli italiani»

Circa 150 i piacentini al raduno con il leader Matteo Salvini. I parlamentari Murelli e Pisani: «Vogliamo liberare il Paese da un Governo voluto dall’Europa, dalla Francia e dalla Germania». Il commissario Pozzi: «Le elezioni regionali sono una tappa fondamentale»

la comitiva leghista partita da Piacenza

Circa 150 leghisti piacentini hanno partecipato al raduno dei record di Pontida 2019. Sul grande e storico prato del paesino della Bergamasca, i militanti piacentini hanno ascoltato il leader Matteo Salvini che ha invitato tutti a lavorare per far tornare la Lega al Governo. Un lavoro che deve cominciare dai prossimi appuntamenti con le elezioni regionali. «Quest’anno Pontida - ha affermato il senatore Pietro Pisani - ha un significato particolare. Come quando i popoli padani si riunirono per sconfiggere il Barbarossa, ora il popolo italiano si è riunito per battere gli stranieri che hanno colonizzato economicamente il nostro Paese. Siamo consapevoli che i nostri nemici sono i Paesi europei, e i poteri forti, che ci hanno penalizzato. Siamo pronti alla riscossa, con un patto di sangue dei leghisti per spingere fuori dai sacri confini italiani i Paesi stranieri. Il riferimento a Francia e Germania è puramente voluto».

Secondo la deputata Elena Murelli «è stata una Pontida da record. Da qui parte la resistenza contro un Governo non voluto dagli italiani, ma dall’Europa, da Berlino e da Parigi. E’ partita la rivoluzione dignitosa di un popolo che vuole lavoro, pensioni, meno tasse, diritti, servizi e valori». Il commissario provinciale Corrado Pozzi ha vissuto «una giornata esaltante che ha rafforzato l’idea della perseveranza nel popolo leghista, il quale deve costruire il proprio futuro basandosi sui mattoncini che giorno dopo giorno vengono posti. La Regione Emilia Romagna è una tappa fondamentale per tutti gli italiani». Due i pullman partiti da Piacenza, sotto l’attenta organizzazione della consigliera comunale Lorella Cappucciati. Sul bus anche il consigliere regionale Matteo Rancan. A Pontida anche la vice presidente della Provincia, Valentina Stragliati, il sindaco di Ziano, Manuel Ghilardelli, il sindaco di Fiorenzuola, Romeo Gandolfi e l'assessore alla sicurezza del capoluogo Luca Zandonella. 

le bandiere della Lega-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • «A Piacenza nessun caso di Coronavirus. Piacentini stiano tranquilli, a breve un numero dedicato all'emergenza»

  • «Due nuovi casi positivi all'ospedale di Piacenza: contagiati dal focolaio lombardo»

  • Coronavirus, ricoverato l'infermiere di Codogno che era venuto in contatto con il 38enne contagiato

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

Torna su
IlPiacenza è in caricamento