Danni maltempo, Molinari e Tarasconi (Pd): «Sia riconosciuto lo stato di calamità nel Piacentino»

«Ci auguriamo che la richiesta dello stato di calamità naturale, inoltrata dal comune di Piozzano, sia accolta e riconosciuta dalla Regione». Endorsement dei consiglieri regionali Pd Gian Luigi Molinari e Katia Tarasconi, dopo gli eccezionali eventi atmosferici del primo luglio scorso che hanno messo a dura prova anche il territorio piacentino. In particolare a Piozzano la situazione è particolarmente grave e il sindaco Lorenzo Burgazzoli ha fatto presente alle autorità competenti come il violento nubifragio, con piogge torrenziali, vento e grandine di rilevanti dimensioni abbiano provocato ingenti danni alle proprietà pubbliche e ai privati.

«Troviamo sia equo che anche Piozzano rientri nel piano per i gravi danni subiti alle strade comunali», è l’appello dei consiglieri dem.  «Il presidente Bonaccini ha firmato la richiesta di stato di emergenza nazionale per le grandinate e il maltempo del mese scorso. Ad una prima stima i danni ammontano a 27 milioni di euro – hanno fatto presente -; una situazione aggravata dai nubifragi che hanno successivamente colpito le province di Piacenza e Parma».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In vaste aree del comune di Piozzano le colture cerealicole ed i vigneti risultano distrutti, scantinati allagati e i veicoli seriamente danneggiati. «Apprendiamo dagli sfoghi degli agricoltori che i loro raccolti sono stati compromessi: uva, zucche e spighe; la grandine ha mandato in fumo un anno di lavoro», sottolineano Molinari e Tarasconi. Forse questa – aggiungono – è anche l’occasione per ragionare ancora una volta sul sistema di erogazione dei fondi per i danni subiti dagli agricoltori affinchè non si finisca per attendere l’esito di pratiche interminabili e con risarcimenti di gran lunga inferiori rispetto a quanto è stato perso». «Comuni e Provincia da soli non possono farcela – incalzano i consiglieri che continuano: serve certamente un supporto per far rientrare l’emergenza, nella speranza che fenomeni atmosferici di questo tipo non si ripresentino a breve».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco, prima litiga con il buttafuori poi picchia i carabinieri e li manda all'ospedale: arrestato

  • Tragico tamponamento fra Tir, autista muore schiacciato nella cabina

  • «Al pascolo non mi manca nulla, volevo questa vita all'aria aperta»

  • Sestri Levante, piacentino riempito di botte per un cellulare

  • Schianto all'incrocio tra via Martiri e via Boselli, due feriti

  • Valtrebbia, domenica di controlli e sanzioni sulla Statale 45 e nel fiume

Torna su
IlPiacenza è in caricamento