Unioni civili, Bergonzi e altri 36 deputati vogliono correggere il Ddl

E'stato preparato un documento, firmato da 37 deputati, con alcune considerazioni in merito al Ddl sulle Unioni Civili

Marco Bergonzi

E' stato preparato un documento, firmato da 37 deputati, con alcune considerazioni in merito al Ddl sulle Unioni Civili: tra coloro che hanno assunto l'iniziativa c'è anche il deputato piacentino del Pd Marco Bergonzi . «Il 26 gennaio prossimo l'aula del Senato - si legge nel documento - esaminerà il ddl sulle unioni civili, vorremmo in proposito esprimere alcune convinzioni. Siamo convinti dell'esigenza di garantire e normare i diritti e i doveri delle coppie omosessuali e questo non solo per ottemperare ai rilievi della Corte di giustizia europea e della corte costituzionale, ma perché riteniamo doveroso e opportuno un intervento legislativo che metta fine ai troppi ritardi e rinvii accumulatisi nel tempo».

«E' apprezzabile - continua il documento - che il PD abbia riconosciuto trattarsi di materia eticamente sensibile sulla quale un partito plurale non può che conferire libertà di voto ai propri parlamentari. Come, del resto, è stabilito a chiare lettere nello statuto del PD. Ciononostante, ferma restando tale soluzione "di ultima istanza", proprio in quanto animati da spirito unitario e senso di responsabilità, non ci rassegniamo alla divisione. Il nostro auspicio e il nostro impegno sono tesi alla ricerca, sino all'estremo limite, di una mediazione alta e condivisa dentro il PD».

«Un passo importante - spiega il documento - in tale direzione, lo si è fatto nel definire le unioni civili come "formazioni sociali specifiche". Tuttavia, per assicurare coerenza logica e normativa a tale opzione concepita allo scopo di marcare la differenza rispetto alla famiglia naturale fondata sul matrimonio ex art. 29 Cost., è nostra convinzione che, sul testo in esame, si debbano apportare alcuni correttivi». 

«In particolare chiediamo:

1) una riformulazione giuridicamente più coerente degli art. 2, 3 e 4 che eviti i rimandi pedissequi alle norme del Codice civile sul matrimonio ivi considerato nella sua accezione costituzionale, sanando così le contraddizioni e ambiguità ora presenti;

2) che, in premessa, il riferimento all'art. 2 della Costituzione sia reso esplicito;

3) che l'art. 5 che introduce la cosiddetta "stepchild adoption" sia stralciato e rinviato ad una riforma più organica degli istituti paragenitoriali, ovvero sostituito con soluzioni normative che, nel garantire piena tutela ai diritti dei minori, evitino di legittimare o incentivare comportamenti gravemente antigiuridici».

«Lo ribadiamo - conclude il documento - ci anima uno spirito unitario, la tensione a realizzare, per quanto possibile, un consenso largo, non solo nel PD, nella maggioranza che sostiene il governo, e nel parlamento, ma soprattutto nel paese. E' dovere del legislatore, in tema di diritti civili, farsi carico dell'obiettivo di non lacerare il paese, e di evitare che le leggi al riguardo subiscano cambiamenti ad ogni avvicendamento delle maggioranza politiche. In breve, ci si deve dotare di uno spirito largo e di uno sguardo lungo».

Aiello, Battaglia, Bazoli, Benamati, Bergonzi, Berlinghieri, Borghi, Carrescia, Casati, Cova, Cuomo, Dell'aringa, D'incecco, Falcone, Fioroni, Fusilli, Galperti, Ginoble, Grassi, Iannuzzi, Lauricella, Miotto, Monaco, Oliverio, Palma, Patriarca, Pelillo, Piccione, Preziosi, Prina, Ribaudo, Rossi, Rubinato, Scanu, Senaldi, Taricco, Zanin

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Tradotto in italiano cosa significa?

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Casaliggio, schianto fra tre auto: sette feriti all'ospedale

  • Cronaca

    Tir distrutto dalle fiamme al casello di Piacenza Nord

  • Cronaca

    Accosta con l'auto e si accascia, automobilista stroncato da un malore

  • Sport

    Dal nulla spunta Musetti. Il Pro Piacenza si salva contro la Giana

I più letti della settimana

  • Referendum Costituzionale, il No vince in città e provincia con il 57,4%

  • Referendum, a Piacenza e provincia ha votato il 72%

  • De Micheli (Pd): «Delusione ed amarezza, occorre riflettere»

  • «San Giorgio spettatore del futuro dell'aeroporto di San Damiano»

  • Referendum, il voto in Valdarda: vince il No con il 58,24 per cento

  • Il Pd: «Ripartiamo da quel 41% che ha votato Sì e che vuole il cambiamento»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento